Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Domani, il film che racconta un futuro migliore

Blog di Gabriele Salari - Ufficio stampa Greenpeace | 3 ottobre, 2016

Non servono i superpoteri per salvare il mondo, non è una battaglia impossibile, anche se gli scienziati parlano di sesta estinzione, quella del genere umano. Un mondo migliore, domani, lo costruiamo già oggi, se vogliamo.   Il...

Il pesce sta finendo, impariamo a consumare in modo responsabile!

News | 1 ottobre, 2016 a 14:42

I nostri volontari in 19 piazze d'Italia con finte bancarelle del pesce per sensibilizzare i cittadini sul consumo di prodotti ittici pescati con metodi sostenibili

IOI: ora è tempo di agire e guidare il cambiamento!

Blog di Martina Borghi, campagna foreste | 30 settembre, 2016

Nonostante il rapporto che espone le operazioni distruttive dei fornitori di IOI , e il blocco effettuato dai nostri attivisti alla raffineria di IOI al porto di Rotterdam , il gigante malese dell’ olio di palma si è rifiutato di...

La Rainbow Warrior torna in Italia… per accendere il sole!

Blog di Luca Iacoboni, campaigner clima | 29 settembre, 2016

Libano, Turchia, Italia, Marocco. Sono i Paesi dove la Rainbow Warrior, la nostra nave ammiraglia, sta portando il suo messaggio. Paesi molto diversi, collegati però da un elemento che ci unisce tutti: il sole.   Il tour della...

Telecamere nascoste al mercato del pesce!

News | 29 settembre, 2016 a 14:05

Le norme ci sono, ma le irregolarità nell’etichettatura sono ancora troppe

Con le telecamere nascoste al mercato del pesce

Video | 29 settembre, 2016 a 12:04

Stenta a prendere piede l’applicazione della nuova normativa europea sull’etichettatura che deve accompagnare la vendita di pesce fresco. Lo dimostra un video che abbiamo realizzato con telecamere nascoste in alcuni banchi ittici di Roma.

In azione a Rotterdam per difendere le foreste!

News | 27 settembre, 2016 a 9:13

Bloccata in porto una nave che trasporta olio di palma

The Potential for Energy Citizens in the European Union

Pubblicazione | 26 settembre, 2016 a 9:45

La metà dei cittadini dell’Unione europea potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45 per cento della domanda di energia dell’Ue.

Facciamo una pace verde!

Blog di Jennifer Morgan e Bunny McDiarmid - ED Greenpeace | 21 settembre, 2016

Oggi in tutto il mondo, festeggiamo la Giornata della Pace, sapendo però che per molti la pace è introvabile. Non oggi. E, a meno che le cose cambino radicalmente, non in tempi brevi. Nel 2015 il numero di rifugiati e sfollati ha...

Tisaleaks, Greenpeace Olanda svela testi segreti del TiSA

News | 20 settembre, 2016 a 10:04

Accordo pericoloso per il clima

21 - 30 di 3102 risultati.