Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Vivere. Spostarsi. Respirare.

Pubblicazione | 22 maggio, 2018 a 9:27

Roma fanalino di coda in fatto di mobilità sostenibile e sicurezza stradale, Copenaghen capofila. È quanto emerge dal report “Living. Moving. Breathing. Ranking of European Cities in Sustainable Transport”, realizzato dal Wuppertal Institute per...

In azione per la democrazia energetica in Europa

Blog di Luca Iacoboni - Resp. Energia Greenpeace Italia | 21 maggio, 2018

La giornata di giovedì 17 maggio è stata molto importante per il futuro delle energie rinnovabili in Italia ed in Europa. A Bruxelles, infatti, si è tenuto un round della negoziazione sulla “Direttiva sulle energie rinnovabili”. Entro...

Api, una ricchezza inestimabile

Blog di Federica Ferrario | 18 maggio, 2018

Saremmo in grado di fare a meno del caffè? E di fragole, pesche, pomodori e frutti di bosco? Difficile vero? Eppure senza insetti impollinatori molti ingredienti della nostra cucina non esisterebbero più. Quando si parla di api il...

L’Italia deferita alla Corte europea

News | 17 maggio, 2018 a 16:13

Sforati i limiti di inquinamento atmosferico

I petrolieri pronti a bombardare lo Ionio

News | 8 maggio, 2018 a 11:21

Air gun in un’area preziosa per l’ecosistema marino a Santa Maria di Leuca

Troppo rumor per nulla

Pubblicazione | 8 maggio, 2018 a 10:15

La minaccia dei petrolieri ai mari italiani, mai venuta meno negli ultimi anni, si estende ora alle acque dello Ionio, al largo di Santa Maria di Leuca, su un’area che, secondo la Convenzione sulla Biodiversità (Convention on Biological Diversity...

Nuova deforestazione massiccia in Indonesia per l’olio di palma

News | 3 maggio, 2018 a 16:30

L’abbiamo documentata in una nostra indagine: le immagini sono agghiaccianti

VITTORIA! Le api ringraziano

News | 27 aprile, 2018 a 17:15

Finalmente l'Unione Europea ha approvato il bando permanente a tre insetticidi neonicotinoidi dannosi per le api.

Centrali galleggianti, l’ennesima follia nucleare

Blog di Rashid Alimov - Jan Haverkamp | 26 aprile, 2018

Trentadue anni fa, il più grande incidente nucleare civile del mondo ha contaminato vaste aree dell'Europa. Le nuove generazioni potrebbero non ricordare che per alcuni mesi, in Paesi come l'Olanda e la Germania, gli spinaci e altre...

Inquinano con l’ammoniaca eppure ricevono fondi comunitari

News | 24 aprile, 2018 a 12:54

Da una nostra inchiesta, lo scandalo dei sussidi ad alcuni maxi-allevamenti

31 - 40 di 3276 risultati.