Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

100% rinnovabile, ecco “l’Internet” che ci piace!

News | 13 maggio, 2015 a 13:40

Apple, Yahoo, Facebook e Google guidano gli sforzi per alimentare la Rete solo grazie a fonti rinnovabili. A svelarlo il nostro nuovo report “Clicking Clean”.

There She Blows

Video | 13 maggio, 2015 a 11:07

Tossico come un pesticida

Pubblicazione | 12 maggio, 2015 a 9:30

Gli effetti sulla salute delle sostanze chimiche usate in agricoltura

India, Greenpeace rischia di chiudere entro un mese (e con lei, la difesa...

News | 8 maggio, 2015 a 16:51

A rischio non c’è solo la sopravvivenza della nostra associazione in India, ma la tutela ambientale e il diritto al dissenso: per questo abbiamo scritto al Ministero degli Esteri.

Into the (Arctic) wild

Blog di Fortunato Longo - Windsurfer professionista | 29 aprile, 2015 4 commenti

Una tavola da surf e la voglia di conoscere un ecosistema meraviglioso. Questo ha spinto  Fortunato Longo , windsurfer professionista, a prendere il suo SUP - una tavola sulla quale si rema in piedi - per attraversare il Circolo...

Lettera aperta di Greenpeace a Sua Santità Francesco

Pubblicazione | 28 aprile, 2015 a 8:30

Greenpeace esprime a Papa Francesco la più sincera gratitudine per le iniziative che il Pontefice sta prendendo “a difesa del clima globale, assunte anche in vista dell’annunciata Enciclica”.

La costruzione del nuovo sarcofago di Cernobyl a 29 anni dall’incidente

News | 24 aprile, 2015 a 17:35

A 29 anni dal peggior disastro nucleare della storia, quello di Cernobyl, il reattore danneggiato costituisce ancora un pericolo. Ecco, riassunta in 11 punti, la situazione oggi.

Dietrofront Juncker, la Commissione europea si rimangia le promesse sugli OGM

Blog di Federica Ferrario, Resp. Agricoltura Sostenibile | 22 aprile, 2015 1 commento

Una vera mossa alla Ponzio Pilato quella odierna della Commissione europea sugli OGM . Tra le dieci priorità del suo mandato da presidente della Commissione europea UE,  Jean-Claude Juncker ha fissato quella di rendere “ più...

Canarie- shock, petrolio per chilometri

News | 21 aprile, 2015 a 15:26 1 commento

Abbiamo sorvolato l’area dove è affondato il peschereccio Oleg Naydenov: c'è una scia idrocarburi lunga 70 km.

L'ombra del petrolio sul Mediterraneo

News | 20 aprile, 2015 a 16:26

A cinque anni dal disastro della Deep Water Horizon nel Golfo del Messico, le trivellazioni minacciano ancora i nostri mari (e i loro abitanti).

41 - 50 di 2886 risultati.