Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Greenpeace International annuncia due nuovi co-direttori esecutivi

News | 15 gennaio, 2016 a 15:07

Nominate oggi Jennifer Morgan e Bunny McDiarmid, che si insedieranno il prossimo 4 aprile

Spedizione in Patagonia: sulla vetta del Cerro Torre senza PFC!

Blog di David Bacci - Alpinista | 14 gennaio, 2016

Quando proposi a Greenpeace di voler scalare una delle vette più impegnative presenti in Patagonia – terra famosa anche per il clima pessimo – usando capi di abbigliamento privi di PFC , avevo in realtà qualche dubbio. Questi...

Se questo è un Nobel

Blog di Federica Ferrario-Campagna Agricoltura Sostenibile | 12 gennaio, 2016

L’ intervista di Piergiorgio Odifreddi a Richard Roberts  naviga tra l’inaudito e lo stupefacente. Con un contorno di insinuazioni tali da interessare l’avvocato. Dovendo difendere gli  OGM , Roberts – già Nobel per la medicina –...

Salvo (per ora) l’habitat del panda!

News | 12 gennaio, 2016 a 11:57

Grazie alle nostre denunce sul taglio illegale delle foreste del Sichuan, abbiamo ottenuto la protezione di foreste vitali per il panda

Disastro ambientale: fuga di gas a Los Angeles, dichiarato lo stato di emergenza

News | 8 gennaio, 2016 a 13:13

In un sobborgo di Los Angeles, una minaccia invisibile non si arresta da mesi

Trivelle in mare, cosa ne pensano gli italiani?

Pubblicazione | 21 dicembre, 2015 a 15:59

La maggioranza degli italiani è contro le trivelle e un ampio numero di persone, prossimo al 50% degli interpellati, si dice pronto a votare i quesiti referendari che allontanerebbero l’ombra del petrolio dai nostri mari.

Trivelle: agli italiani non piacciono

News | 21 dicembre, 2015 a 14:57 1 commento

Lo rivela il nostro sondaggio: i cittadini sanno che i rischi sono maggiori dei benefici

Milano, Mareblu si tinge di rosso sangue

News | 15 dicembre, 2015 a 10:52

Proiezioni nei luoghi simbolo della città contro il “killer del mare”

Dalla COP21 un cambio di passo, ma la vera sfida inizia ora

News | 12 dicembre, 2015 a 19:51

L'accordo sul clima raggiunto durante la #COP21 è un punto di svolta, ma non basta e contiene una grande ingiustizia: trascura i popoli più vulnerabili agli impatti dei cambiamenti climatici, mentre le nazioni che più hanno contribuito al...

Accordo o no, a Parigi è nato un movimento globale per il clima

Blog di Luca Iacoboni - campaigner Energia e clima | 11 dicembre, 2015 1 commento

COP 21 , ossia la ventunesima conferenza delle parti sui cambiamenti climatici sotto l’egida delle Nazioni Unite, che si tiene in questi giorni a Parigi , e che tra poche ore volgerà al termine. La prima di queste conferenze...

61 - 70 di 3017 risultati.