Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Una chiusura Lampo alle sostanze chimiche pericolose!

News | 15 settembre, 2015 a 10:07

L’azienda che ha dato il nome alle cerniere aderisce a Detox!

Sostanze chimiche pericolose nei paradisi naturali: perché non ce ne liberiamo?

Blog di Gabriele Salari - Coordinatore Comms Detox Outdoor | 8 settembre, 2015

Chi non ha mai sognato di trovarsi nella natura incontaminata dell’Himalaya o delle Ande per fare una scalata o un trekking? Pochi altri posti al mondo possono vantare una neve così pura o un’acqua ugualmente cristallina. Eppure...

Contaminazione ad alta quota

Video | 8 settembre, 2015 a 10:32

Dagli Appennini alle Ande, dalla Cina alla Russia. Fra maggio e giugno otto squadre di attivisti di Greenpeace hanno intrapreso spedizioni in altrettante aree montane e remote di tre continenti, per prelevare campioni di acqua e neve che sono...

Impronte nella neve

Pubblicazione | 8 settembre, 2015 a 7:00

“Buon vento” a Stefan Weber, pioniere delle battaglie contro rifiuti tossici e OGM

Blog di Alessandro Giannì - Direttore campagne Greenpeace | 3 settembre, 2015

Qualche giorno fa si è spento prematuramente, a soli 54 anni, Stefan Weber, un campaigner che ha fatto la storia di Greenpeace, a partire dalla campagna contro lo smaltimento dei rifiuti tossici nei Paesi poveri, alla quale diede un...

Emma Thompson in azione contro Shell

Immagine | 2 settembre, 2015 a 11:26

Emma Thompson in azione davanti la sede di Shell a Londra. L'attrice inglese insieme agli attivisti di Greenpeace ha portato l'orso Aurora, grande quanto un autobus a due piani, fuori il quartier generale di Shell per protestare contro i piani di...

Tianjin, la città devastata dalle esplosioni tossiche

News | 26 agosto, 2015 a 17:21

A due settimane dall’incidente, resta alta l'allerta per la contaminazione ambientale.

Caso Arctic 30: la Russia ha violato il diritto internazionale

News | 25 agosto, 2015 a 13:03

A stabilirlo la Corte permanente di arbitrato dell'Aja

La Rainbow Warrior nell'Oceano Pacifico

Immagine | 22 agosto, 2015 a 11:38

La Rainbow Warrior sta navigando nell'Oceano Pacifico per documentare i problemi legati alla pesca al tonno come la cattura accidentale di squali, mante e tartarughe, fino alla violazione dei diritti dei lavoratori a bordo delle navi peschereccio.

Di ritorno dalle spedizioni nei posti più remoti del Pianeta, missione compiuta!

Blog di Gabriele Salari | 7 agosto, 2015

Otto squadre di Greenpeace sono tornate da altrettante spedizioni scientifiche in luoghi remoti di tre continenti , raccogliendo campioni di acqua e neve che saranno ora esaminati in laboratorio. Lo scopo è capire fino dove si spinga...

71 - 80 di 2962 risultati.