Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Pfas in Veneto: inquinamento sotto controllo?

Pubblicazione | 9 marzo, 2017 a 10:30

Nel febbraio 2017 Greenpeace ha raccolto campioni di acqua in un’area, tra le province di Vicenza, Verona e Padova, nota per la contaminazione da PFAS (sostanze perfluoroalchiliche).

Non c'è pace senza uguaglianza di genere!

News | 8 marzo, 2017 a 9:00

Oggi, Giornata Internazionale delle Donne, scendiamo in piazza e manifestiamo il nostro sostegno alla rete internazionale Non Una di Meno

L’ombra del conflitto di interessi sulla valutazione di sicurezza del glifosato

News | 7 marzo, 2017 a 18:46

Chi controlla i controllori del controverso pesticida?

Disastro di Fukushima, i diritti violati di donne e bambini

Pubblicazione | 7 marzo, 2017 a 11:46

La politica del Giappone di riportare gli sfollati del disastro di Fukushima in aree ancora pesantemente contaminate va contro le leggi dello Stato nipponico e viola numerosi trattati internazionali sui diritti umani.

Salviamo la Grande Foresta del Nord

News | 6 marzo, 2017 a 12:44

La Foresta Dvinsky rischia di scomparire per l’industria della carta

Eye on the Taiga

Pubblicazione | 6 marzo, 2017 a 10:22

Numerose società produttrici di carta e derivati sono collegate ad aziende che stanno distruggendo una delle ultime e più grandi foreste vergini d’Europa, nella Taiga russa.

Cibo Convenzionale vs Cibo Biologico

Video | 28 febbraio, 2017 a 14:53

Questa famiglia giapponese si è sottoposta ad un esperimento: 10 giorni di dieta con alimenti convenzionali, seguiti da 10 giorni con alimenti esclusivamente biologici. I livelli di pesticidi nel corpo dopo pochi giorni si sono sensibilmente...

Una vita da prosumer

Blog di Pasquale Pizzichetti - Prosumer | 24 febbraio, 2017

Mi chiamo Pasquale Pizzichetti e vivo con la mia famiglia in un villino bifamiliare a Portogruaro, una cittadina in provincia di Venezia. Sono un geometra, con studio professionale a casa.  Dieci anni fa abbiamo installato in casa...

La normalità forzata delle vittime di Fukushima

News | 21 febbraio, 2017 a 12:41

Il governo giapponese vuole ripopolare un villaggio ancora altamente radioattivo. I sussidi per i cittadini allontanati dall’area contaminata non sono più disponibili, e in molti non hanno scelta.

Nessun ritorno alla normalità per gli sfollati di Fukushima

Pubblicazione | 21 febbraio, 2017 a 10:42

Ad un un anno dalla cessazione delle compensazioni economiche ai cittadini evacuati, il governo giapponese ritirerà - non più tardi del 31 marzo prossimo - l’ordine di evacuazione per 6 mila cittadini da Iitate, villaggio che si trova a nord...

81 - 90 di 3220 risultati.