Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Bentornata Mati!

News | 20 novembre, 2014 a 17:51

La nostra attivista ferita durante l’azione contro le trivelle alle Canarie, è uscita questa mattina dall’ospedale per far rientro a casa.

Sistemazione dei rifiuti nucleari: il governo pesta l’acqua nel mortaio

Blog di Giuseppe Onufrio - Direttore Esecutivo Greenpeace | 20 novembre, 2014

La recente nomina a direttore dell’ ISIN , il costituendo Ispettorato Nazionale per la Sicurezza Nucleare e la Radioprotezione , di una persona non competente in materia, la cui identificazione è stata effettuata solo su “base...

L'Arctic Sunrise trattenuta in Spagna

News | 19 novembre, 2014 a 11:04

La nostra nave è posta da ieri in stato di fermo dalle autorità spagnole nel porto di Arrecife, a Lanzarote, dopo l’azione contro le trivelle di Repsol al largo delle Isole Canarie.

No trivelle nel mare di Sicilia: la nostra diffida al Ministero dell’Ambiente

News | 18 novembre, 2014 a 15:11

Abbiamo diffidato la Commissione di Valutazione di Impatto Ambientale dal concedere parere positivo alle istanze di ricerca e perforazione nel Canale di Sicilia.

La marina militare spagnola sperona i nostri attivisti: un'italiana ferita

News | 15 novembre, 2014 a 15:04 4 commenti

Questa mattina, tre gommoni della Marina Militare spagnola hanno ripetutamente speronato i gommoni dei nostri attivisti alle Canarie, durante un'azione contro le trivellazioni petrolifere. Un'attivista italiana di 21 anni è stata ferita. Guarda...

Vita da guerrieri dell’arcobaleno

News | 15 novembre, 2014 a 10:00 2 commenti

Come si diventa Rainbow Warriors? Ce lo racconta Caterina Nitto in "Una vita da attivista"

Accordo Usa-Cina su clima non sia un traguardo, ma un punto di partenza

News | 12 novembre, 2014 a 15:22 1 commento

Poche ore fa Stati Uniti e Cina hanno annunciato di aver raggiunto un accordo sulle politiche da attuare e gli obiettivi da raggiungere circa il taglio delle emissioni di gas serra per salvare il clima. Un piccolo passo in avanti rispetto alla...

Se noi siamo banditi dalla camera, loro sono banditi del petrolio!

News | 11 novembre, 2014 a 17:58

Abbiamo provato a dire No alle trivelle mentre si votava il Sì allo Sblocca Italia: per questo hanno deciso di vietare l’ingresso a Montecitorio ai nostri attivisti.

Passo in avanti del Parlamento Ue per vietare la coltivazione di Ogm!

News | 11 novembre, 2014 a 13:05 1 commento

Questa mattina il Parlamento Europeo ha votato per dare agli Stati membri solide basi legali per vietare nei propri territori la coltivazione di Ogm.

Turchia, più di 5000 ulivi distrutti per far posto al carbone

News | 10 novembre, 2014 a 17:10 1 commento

Distrutto l’uliveto di Yirca: la sentenza per impedire che avvenisse questa tragedia è arrivata troppo tardi, ma noi non ci arrendiamo. La nostra solidarietà a chi ha lottato per salvarlo.

1 - 10 di 2776 risultati.