Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

I Munduruku non vogliono abbandonare il loro villaggio, la storia di Aldira

Blog di Martina Borghi, campagna foreste | 21 giugno, 2016

Una bambina mi stava colorando il viso di rosso con i semi di urucu quando Aldira mi ha invitato a casa sua per bere succo di buritì. Aldira Akai Munduruku è la maestra di lingua materna di Sawré Muybu, uno dei villaggi degli...

Musica per l’Artico: Ludovico Einaudi al piano fra i ghiacci

News | 20 giugno, 2016 a 14:13

“Elegy for the Arctic” su una piattaforma galleggiante nel Mar Glaciale Artico

La Croazia chiude i suoi mari a trivelle e petrolieri

Blog di Andrea Boraschi, responsabile campagna Energia e C | 17 giugno, 2016

Premessa: la nostra non è facile esterofilia, e neppure la suggestione di chi vede l’erba del vicino sempre più verde, o il suo mare sempre più blu.   Sì, perché di mare qui si parla: la Croazia ha deciso, chiude...

Al fianco dei Munduruku per proteggere il cuore dell’Amazzonia

Blog di Martina Borghi, campagna foreste | 16 giugno, 2016

Non sono state le urla dei macachi a svegliarmi stavolta, ma la pioggia: un acquazzone degno della foresta pluviale più grande del mondo. Da qualche giorno, infatti, mi trovo nel villaggio di Sawré Muybu, sul fiume Tapajos, nel cuore...

Proteggi il cuore dell’Amazzonia!

News | 15 giugno, 2016 a 12:36

Aiutiamo gli indigeni Munduruku a delimitare le loro terre

Il CETA, l’accordo commerciale UE-Canada, non può rinunciare alla verifica parlamentare

News | 14 giugno, 2016 a 10:14

Il ministro Calenda ammette: niente verifiche nazionali per l’accordo di libero scambio, ma noi non ci stiamo!

Libero scambio UE-Canada: escludere i parlamenti nazionali è antidemocratico!

News | 10 giugno, 2016 a 18:09

Secondo fonti stampa l’Italia sarebbe pronta a rinunciare alla verifica parlamentare

L’Artico si scalda due volte più in fretta del resto del Pianeta

News | 7 giugno, 2016 a 16:04

Le ripercussioni gravano sull’intero clima terrestre

Ciò che accade nell’Artico non resta confinato nell’Artico

Pubblicazione | 7 giugno, 2016 a 12:02

Un rapporto scientifico pubblicato oggi da Greenpeace svela che l’Artico si sta scaldando due volte più in fretta che qualsiasi altra regione del mondo, con possibili gravi ripercussioni sull’intero clima terrestre.

Altre 10 aziende scelgono di produrre senza sostanze tossiche!

News | 31 maggio, 2016 a 12:28

Cresce il numero di realtà del tessile che aderiscono a Detox!

1 - 10 di 3042 risultati.