Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

10 consigli per un Natale eco-friendly!

News | 17 dicembre, 2014 a 17:50

Tutto quello che dovresti sapere per un Natale davvero eco-sostenibile

Assolti i “Cofrentes 17”, accusati per una protesta pacifica contro il nucleare

News | 17 dicembre, 2014 a 11:51

La Corte penale di Valencia ha assolto tutti i 16 attivisti coinvolti e il fotoreporter indipendente che aveva documentato l’azione dalle accuse di disordine pubblico e lesioni.

La pesca eccessiva svuota i mari, fermiamola!

News | 15 dicembre, 2014 a 15:45

Oggi si riunisce a Bruxelles il Consiglio dei ministri della pesca Ue: vogliamo ricordare che è nostro dovere proteggere il mare e garantire il recupero degli stock ittici.

Linee di Nazca: alcune doverose precisazioni

News | 12 dicembre, 2014 a 15:21 2 commenti

Siamo consapevoli delle preoccupazioni che desta la vicenda di Nazca, che colpisce noi per primi, e riteniamo doveroso spiegare meglio alcuni aspetti di quanto sta accadendo.

Sedici associazioni ambientaliste chiedono una strategia innovativa del Governo

News | 11 dicembre, 2014 a 17:24

Serve un programma collegiale e unitario del governo che individui azioni innovative per garantire il benessere degli italiani e lo sviluppo del Paese dando valore alla ricchezza del suo capitale naturale e superando il deficit ecologico che...

Il nostro messaggio dalle Linee di Nazca: salviamo il clima!

News | 9 dicembre, 2014 a 13:27 16 commenti

“È ora di cambiare, il futuro è rinnovabile”: è la scritta a lettere giganti composta dagli attivisti presso le Linee di Nazca, uno dei siti più famosi del Perù, mentre a Lima è in corso il summit sul clima delle Nazioni Unite.

La strategia delle trivelle

Blog di Alessandro Gianni - Direttore campagne | 5 dicembre, 2014

L'ultimo disastro petrolifero di cui abbiamo notizia (di troppi non sappiamo nulla) si sta consumando in queste ore in Israele dove, per una falla all' oleodotto della Eilat Ashkelon Pipeline Company (EAPC) , è stata contaminata la...

Cofrentes17: la libertà di protesta a rischio in Spagna

Blog di Giuseppe Onufrio, direttore Greenpeace Italia | 4 dicembre, 2014

La libertà di espressione e di protesta è a rischio in vari Paesi del mondo e, tra questi, la Spagna. La reazione spropositata della Marina Militare spagnola durante l’azione di protesta al largo delle Canarie dello scorso...

Adotta un attivista di Greenpeace!

News | 4 dicembre, 2014 a 13:45 3 commenti

Da oggi, con un’adozione simbolica puoi sostenere concretamente la nostra indipendenza e le nostre campagne.

Trent’anni fa il disastro di Bhopal

News | 2 dicembre, 2014 a 11:45

A mezzanotte e cinque del 3 dicembre 1984, quaranta tonnellate di una miscela di gas letali fuoriuscirono dall'impianto di produzione di pesticidi della Union Carbide a Bhopal, in India.

1 - 10 di 2792 risultati.