Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

In nome del Mare!

News | 25 febbraio, 2015 a 14:00

La pesca eccessiva sta letteralmente svuotando i mari: è ora di fermarla!

Canada: dove difendere il clima rischia di essere terrorismo

Blog di Luca Iacoboni - Campaigner Energia e clima | 19 febbraio, 2015

" È la caratteristica delle censure più rigide quella di dare credibilità alle opinioni che attacca ". Così diceva Voltaire. Come dire: se ti censurano ti rendono più forte; se ti censurano è perché ti temono. Chissà cosa...

Disastro in Brasile: esplode la FPSO ‘Cidade de São Mateus'

Blog di Andrea Boraschi - campaigner Energia e clima | 12 febbraio, 2015

Ci sono infiniti motivi per sostenere che perforare i fondali del Mediterraneo in cerca di petrolio sia una impresa scellerata. Hanno a che fare con la difesa del clima (eh si, il petrolio è tra quelle fonti fossili di cui ci...

Trivelle in Adriatico? No grazie

News | 11 febbraio, 2015 a 13:31 3 commenti

Abbiamo chiesto al Governo di intervenire sui piani della Croazia: è un nostro diritto!

Tar Sands, il petrolio importato che ci renderà indipendenti dalle importazioni di...

Blog di Andrea Boraschi - Campaigner Energia e clima | 10 febbraio, 2015

Oggi possiamo e dobbiamo operare una scelta; una scelta obbligata che non ammette terze vie, ritardi, incertezze. Possiamo salvare il clima , lasciando sotto terra tre quarti delle risorse fossili disponibili sul Pianeta,...

Se ami il Pianeta, a San Valentino sostieni Greenpeace!

News | 6 febbraio, 2015 a 13:34

Con una donazione puoi sostenere con il cuore le campagne a difesa dell’ambiente!

Salviamo la Grande Barriera Corallina: un “losco” piano rischia di farla scomparire...

Blog di Campagna Mare | 5 febbraio, 2015

1. La trama è un cliché Sembra quasi una sceneggiatura di James Bond in cui un nemico malvagio decide di scavare una gigantesca miniera di carbone e di far esplodere una delle più grandi bombe climatiche a livello planetario...

Le trivelle, la Croazia e noi…

Blog di Alessandro Gianni - Direttore campagne | 27 gennaio, 2015 1 commento

La battaglia delle trivelle infuria in tutto il Mediterraneo e la notizia delle nuove concessioni che la Croazia ha destinato a una serie di multinazionali del petrolio , ENI compresa, sta scuotendo le coscienze di tanti...

Buone notizie per gli Oceani!

News | 26 gennaio, 2015 a 18:32

Storico accordo alle Nazioni Unite: parte il negoziato per sviluppare un accordo giuridicamente vincolante per la conservazione della vita marina.

Niente mais OGM in Italia!

News | 26 gennaio, 2015 a 15:00

Good news: confermato il divieto di coltivazione del mais OGM MON810 sul territorio italiano. Un ottimo segnale in vista di Expo 2015!

1 - 10 di 2816 risultati.