Oceani ai Poli | Greenpeace Italia
Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Da maestose predatrici a vittime indifese: il destino delle orche nel mare di Salish.

Blog di Alessandro Giannì, direttore campagne Greenpeace | 10 agosto, 2018

Anche sui media italiani è arrivata la storia commovente di un'orca che ha vegliato per diversi giorni il suo cucciolo morto mezz'ora dopo la nascita . È una storia terribile, che ci colpisce perché noi umani possiamo essere partecipi...

Il Premio "Terra e Pace" a Greenpeace.

Blog di macolaci | 6 agosto, 2018

È bene non dimenticare la lunga sequenza di orrori che si scatenò quel 6 agosto 1945, alle otto del mattino (ore 08:16:08) quando Little Boy illuminò il cielo di Hiroshima . Non solo per le oltre 60.000 persone che morirono subito...

Sette scomode verità sul GenX

Pubblicazione | 13 luglio, 2018 a 11:48

Secondo documenti in possesso di Greenpeace, dal 2014 al 2017 la Miteni di Trissino - società già individuata dalle autorità come fonte principale della contaminazione da PFAS in una vasta area del Veneto – dopo aver ottenuto dalla Regione Veneto...

Greenpeace è dalla parte dei migranti: perché vogliamo restare umani

Blog di Alessandro Giannì, direttore campagne Greenpeace | 11 luglio, 2018

Greenpeace è un’associazione nata sul mare. E la prima regola di un uomo di mare è che non si lascia nessuno in mare. Abbandonare un naufrago è un’azione infame: ci perdi il rispetto, il sonno, l’anima. Non si fa, e basta. Per...

Greenpeace è dalla parte dei migranti: perché vogliamo restare umani

Blog di Alessandro Giannì, direttore campagne Greenpeace | 11 luglio, 2018 2 commenti

Greenpeace è un’associazione nata sul mare. E la prima regola di un uomo di mare è che non si lascia nessuno in mare. Abbandonare un naufrago è un’azione infame: ci perdi il rispetto, il sonno, l’anima. Non si fa, e basta. Per...

Buone notizie per i pinguini!

News | 10 luglio, 2018 a 12:36

Le grandi aziende di pesca al krill si impegnano a tutelare l’Antartico

In azione! Due balene in fuga dalla plastica

News | 5 luglio, 2018 a 8:34

Coca Cola, San Benedetto, Ferrero, Nestlé, Haribo e Unilvever i i marchi che più inquinano le nostre spiagge

Stessa spiaggia, stessa plastica

Pubblicazione | 5 luglio, 2018 a 5:00

Tra maggio e giugno, grazie al contributo dei suoi volontari, Greenpeace Italia ha organizzato in sette spiagge italiane - Bari, Napoli, Trieste, Palermo, Fiumicino, Chioggia e Parco Regionale di San Rossore – la raccolta e la catalogazione dei...

È tempo di lasciare il carbone dov’è (sottoterra)

News | 3 luglio, 2018 a 12:54

Chiediamo a Generali di non assicurare il nuovo carbone in Repubblica Ceca

Grazie alla voce di migliaia di persone Samsung ha scelto l’energia pulita!

Blog di Maria Elena De Matteo - Greenpeace East Asia | 28 giugno, 2018 1 commento

Vi ricordate quando abbiamo fatto il “restyling” di alcuni negozi Samsung in giro per il mondo?   O forse ricordate questo?   Dopo mesi di richieste e di azioni in giro per il globo, Samsung Electronics ha finalmente...

1 - 10 di 3265 risultati.