Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Detox, ecco chi sfila a testa alta!

News | 19 marzo, 2015 a 11:44 1 commento

Abbiamo aggiornato la nostra la “Sfilata Detox”, una piattaforma che valuta i marchi della moda impegnati nell’eliminazione delle sostanze tossiche!

Kumi Naidoo incontra Francesco Starace, AD di Enel

News | 17 marzo, 2015 a 12:37 2 commenti

Enel è stata al centro delle nostre campagne per molto tempo. Uno scontro duro, ancorché pacifico, costellato di numerose azioni legali contro Greenpeace e la sua protesta, segnato da un dialogo che a lungo ha stentato ad attivarsi.

La scienza è contro gli airguns dei petrolieri. E il Parlamento?

News | 16 marzo, 2015 a 18:42

Settantacinque scienziati hanno scritto ad Obama per chiedere il divieto degli airguns per la ricerca di idrocarburi in mare. E da noi?

L’inquinamento lo produco io e me lo gestisco io

News | 13 marzo, 2015 a 11:02

L’Unione Europea ha oggi un’opportunità straordinaria, che capita una volta ogni dieci anni. Deve mettere mano ai limiti di emissione delle centrali a carbone negli stati membri e può quindi tentare di abbattere emissioni tossiche responsabili...

Quattro anni fa il disastro nucleare di Fukushima. Tu dov’eri?

Blog di Greenpeace | 11 marzo, 2015

Quattro anni fa il mondo ha assistito con orrore, attraverso gli schermi televisivi, all’esplosione delle centrali nucleari di Fukushima Daichii e all’ emissione di scorie radioattive nell’aria e nel mare . Per commemorare questo ...

Fukushima: la situazione a 4 anni dal disastro in 10 punti

News | 9 marzo, 2015 a 11:52

A quattro anni dal disastro dell'11 marzo 2011, spieghiamo in dieci punti qual è la situazione oggi a Fukushima.

Basta pesca eccessiva che svuota i nostri mari, l’Italia rischia un’infrazione UE

News | 4 marzo, 2015 a 14:47

Le politiche di gestione della pesca portate avanti sino ad ora dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali sono state fallimentari. L’Italia, per mantenere in equilibrio le attività di pesca con le risorse disponibili e...

No TTIP, il Trattato UE-USA che incide sui diritti dei cittadini europei

News | 3 marzo, 2015 a 11:23

Un accordo poco trasparente fra Unione Europea e USA rischia di mettere in crisi tutele e diritti: chiediamo lo stop a negoziati!

India: Ministero dell’ambiente contro la miniera di carbone distruggi foreste

Blog di Luca Iacoboni - Campaigner Energia e clima | 2 marzo, 2015

Al posto di una delle più importanti foreste vetuste indiane, una miniera di carbone . Questo il folle progetto contro cui Greenpeace India e le popolazioni locali si stanno battendo da anni. Dopo tempi duri, fatti di arresti,...

In nome del Mare!

News | 25 febbraio, 2015 a 14:00

La pesca eccessiva sta letteralmente svuotando i mari: è ora di fermarla!

1 - 10 di 1242 risultati.