Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Cosa finisce nel mio Whiskas?

Blog di Giorgia Monti, responsabile campagna Mare | 1 aprile, 2016

Entra in azione insieme al tuo gatto e chiedi a Mars di garantire che nella sua ciotola non finisca #BadTuna! Alcune delle marche di cibo per animali più famose al mondo potrebbero usare del “tonno cattivo”, #badtuna .  E quella...

Rio Tapajos, il "Fiume della Vita"

Blog di Martina Borghi - Campaigner Foreste Greenpeace Ita | 21 marzo, 2016 1 commento

Oggi è la Giornata Internazionale delle Foreste e quest’anno vogliamo celebrarla raccontando cosa sta succedendo nella regione amazzonica del Tapajós, situata nello stato del Pará, Brasile nord-orientale. Le terre del Tapajós,...

Non lasciamo che le foreste del Paradiso brucino!

Blog di Martina Borghi - Greenpeace Italia | 7 marzo, 2016

Lo scorso anno, tra giugno e ottobre, violenti incendi hanno ridotto in cenere milioni di ettari di foresta tropicale indonesiana.   Gli effetti su popolazione e ambiente sono stati devastanti. Migliaia di persone hanno...

La paura di Renzi fa 17 (aprile)

Blog di Andrea Boraschi, campaigner Energia e Clima | 17 febbraio, 2016 4 commenti

Sergio Mattarella ha firmato il decreto sulle norme in materia ambientale che indice il referendum sulle trivelle per il 17 aprile . Il suo atto rimanda a un responsabilità gravissima, quella di Renzi e dei suoi ministri: lo...

Detox, una nuova rivoluzione industriale parte da Prato

Blog di Chiara Campione - Detox Corporate Lead Greenpeace | 11 febbraio, 2016 1 commento

Affrontare un problema alla radice è una bella sfida, ma quando ci si riesce la soluzione è molto più efficace. Per questo, negli ultimi mesi, abbiamo lavorato intensamente con il distretto di Prato e il risultato - che abbiamo...

Impresa di un alpinista italiano: in cima al Fitz Roy, in Patagonia, senza PFC

Blog di David Bacci - Alpinista | 4 febbraio, 2016

Dopo aver scalato il Cerro Torre , il prossimo obiettivo era quello di utilizzare la rotta Pilar Este lungo la parete est del Fitz Roy , inaugurata dai leggendari alpinisti italiani Casimiro Ferrari e Vittorio Meles nel 1976 e mai...

Grandi notizie: i prodotti senza PFC garantiscono ottime prestazioni

Blog di Chiara Campione, corporate lead Detox Outdoor | 28 gennaio, 2016

« Raggiungere le vette più estreme e impegnative è possibile rinunciando ai PFC. Posso farlo !». Questa la proposta che abbiamo ricevuto dall’alpinista italiano David Bacci quando abbiamo chiesto agli appassionati dell’ outdoor di...

Rapporto: pericolose sostanze chimiche nell’abbigliamento outdoor

Blog di Mirjam Kopp, Detox Outdoor Global project leader | 25 gennaio, 2016

Ricordate quando, nello scorso mese di settembre, abbiamo chiesto insieme ai marchi dell’outdoor se utilizzassero PFC nei loro prodotti? La maggior parte ci ha risposto di sì, ma senza indicare in quali prodotti venissero...

Spedizione in Patagonia: sulla vetta del Cerro Torre senza PFC!

Blog di David Bacci - Alpinista | 14 gennaio, 2016

Quando proposi a Greenpeace di voler scalare una delle vette più impegnative presenti in Patagonia – terra famosa anche per il clima pessimo – usando capi di abbigliamento privi di PFC , avevo in realtà qualche dubbio. Questi...

Se questo è un Nobel

Blog di Federica Ferrario-Campagna Agricoltura Sostenibile | 12 gennaio, 2016

L’ intervista di Piergiorgio Odifreddi a Richard Roberts  naviga tra l’inaudito e lo stupefacente. Con un contorno di insinuazioni tali da interessare l’avvocato. Dovendo difendere gli  OGM , Roberts – già Nobel per la medicina –...

1 - 10 di 366 risultati.