Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Un ricordo di Berta Cáceres, contro la violenza e gli omicidi di indigeni e...

Blog di Salvador Zuniga Edgardo Cáceres | 9 agosto, 2016 2 commenti

Negli ultimi mesi abbiamo parlato molto della lotta degli indigeni Munduruku contro la costrizione della diga di São Luiz do Tapajós, nell’Amazzonia brasiliana [un obiettivo raggiunto pochi giorni fa grazie al sostegno di oltre un...

Transocean, la piattaforma in balia della tempesta

Blog di Alessandro Giannì, direttore campagne Greenpeace | 8 agosto, 2016 2 commenti

Dopo la Deepwater Horizon, tutti a spergiurare che mai e poi mai, mai più una trivella avrebbe fatto disastri di quel genere. E vai con le direttive europee come la “Offshore directive”, (Direttiva UE 13/2013) buttata giù in fretta e...

Ministro Calenda, quando inizieremo a puntare sul sole e sul vento?

Blog di Luca Iacoboni, campagna Energia e clima | 27 luglio, 2016 1 commento

Pochi giorni fa su Twitter circa mille persone hanno posto al ministro Calenda una domanda semplice, ma precisa: quando smetteremo di alimentare le piccole isole italiane con il petrolio e inizieremo a puntare sul sole e sul vento? Ad...

Spegniamo il petrolio, accendiamo il sole

Blog di Luca Iacoboni - Campagna clima Greenpeace Italia | 6 luglio, 2016 1 commento

Può la burocrazia bloccare perfino il sole? Decisamente sì, e in Italia succede più spesso di quanto si possa immaginare. È ciò che sta accadendo a Lampedusa, dove il progetto di un impianto fotovoltaico da 40 kW da installare sul...

Sfilata Detox 2016: quali marchi sono passati dalle parole ai fatti?

Blog di Giuseppe Ungherese - Campagna Inquinamento | 5 luglio, 2016

Nel 2011 – quando abbiamo lanciato la campagna Detox My Fashion -  l’impegno di grandi marchi come Adidas, Puma e Nike a eliminare le sostanze tossiche ha rappresentato un passo importante nella campagna Detox. Negli anni...

La sicurezza alimentare non può aspettare vane promesse transgeniche

Blog di Federica Ferrario - Resp. Agricoltura Sostenibile | 1 luglio, 2016

In molte zone delle Filippine  gli agricoltori stanno adattando le pratiche agricole per far fronte ai cambiamenti climatici , producendo cibo in periodi alterni di siccità e tifoni attraverso forme resilienti di agricoltura...

Amazzonia, primo successo dei Ka'apor nella lotta alla deforestazione

Blog di Martina Borghi, campagna foreste | 28 giugno, 2016

Dal 2008 gli indigeni Ka'apor , che vivono da secoli nella foresta amazzonica , chiedono l'aiuto del governo brasiliano per frenare i continui e violenti assalti della mafia del legno nelle loro terre e finalmente, a marzo 2016, la...

I Munduruku non vogliono abbandonare il loro villaggio, la storia di Aldira

Blog di Martina Borghi, campagna foreste | 21 giugno, 2016

Una bambina mi stava colorando il viso di rosso con i semi di urucu quando Aldira mi ha invitato a casa sua per bere succo di buritì. Aldira Akai Munduruku è la maestra di lingua materna di Sawré Muybu, uno dei villaggi degli...

La Croazia chiude i suoi mari a trivelle e petrolieri

Blog di Andrea Boraschi, responsabile campagna Energia e C | 17 giugno, 2016

Premessa: la nostra non è facile esterofilia, e neppure la suggestione di chi vede l’erba del vicino sempre più verde, o il suo mare sempre più blu.   Sì, perché di mare qui si parla: la Croazia ha deciso, chiude...

Al fianco dei Munduruku per proteggere il cuore dell’Amazzonia

Blog di Martina Borghi, campagna foreste | 16 giugno, 2016

Non sono state le urla dei macachi a svegliarmi stavolta, ma la pioggia: un acquazzone degno della foresta pluviale più grande del mondo. Da qualche giorno, infatti, mi trovo nel villaggio di Sawré Muybu, sul fiume Tapajos, nel cuore...

1 - 10 di 382 risultati.