Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

6 ragioni per cui l’industria dell’auto deve immediatamente cambiare strada

Blog di Richard Casson - campagna Clean Air Now | 12 settembre, 2017

Questo blog si basa su quanto contenuto nel nostro report “ Perché l’automobile non ha futuro”. Oggi in Germania ha preso il via il Motor Show di Francoforte , il più grande al mondo. Un appuntamento durante cui le più grandi ...

Una lunga estate calda

Blog di macolaci | 9 agosto, 2017

L'ondata di calore di quest'ennesima, anomala, estate sta distruggendo il patrimonio ambientale italiano a ritmi preoccupanti. Secondo dati raccolti da Legambiente a fine luglio erano già andati in fumo quasi 75.000 ettari del nostro...

Dopo anni di mancato rispetto della legge, l’industria del settore ittico sarà...

Blog di Graham Forbes, Greenpeace USA | 31 maggio, 2017

Siamo molto vicini a trasformare per sempre l’industria ittica più distruttiva. La storia è nota a tutti. Per anni l’industria ittica ha tratto enorme vantaggio dal lavoro forzato, dalla pesca illegale, dalla distruzione degli...

Un futuro 100% rinnovabile per le piccole isole è finalmente possibile

Blog di Luca Iacoboni, campaigner Energia e clima | 30 maggio, 2017

Da tempo, insieme a tutti voi, ci impegniamo per avere isole 100 per cento rinnovabili nei mari italiani. Luoghi in cui l’energia non venga prodotta da fonti inquinanti e costose come il petrolio ma provenga esclusivamente da fonti...

Gli zoo non salveranno i caribù dall’estinzione

Blog di Martin Borghi | 5 maggio, 2017

Uno degli animali più emblematici del Canada e della Grande Foresta del Nord è il caribù, più comunemente detto renna: un animale meraviglioso che però rischia l’estinzione. Le soluzioni proposte per salvarlo, sono inaccettabili. ...

Cernobyl: le lezioni che non abbiamo imparato

Blog di Rashid Alimov, Greenpeace Russia | 26 aprile, 2017

A trentun’anni dal disastro nucleare di Cernobyl , molte zone sono ancora contaminate, e Rosatom propone ancora nuovi pericolosi progetti nucleari . di Rashid Alimov, Greenpeace Russia   Un edificio in mattoni grigi con un...

Le tasse scendono, ma solo per i petrolieri

Blog di Andrea Boraschi, campaigner Energia e Clima | 20 aprile, 2017

Il governo italiano riduce le tasse . Si, proprio così: anni e anni che se ne parla, fiumi di promesse elettorali e impegni mai tradotti in qualcosa di concreto… ma da oggi no, da oggi si passa ai fatti. È cominciata l’inversione di...

L’Ungheria e la libertà che difendo

Blog di Katalin Rodics | 11 aprile, 2017

Poche settimane fa ho ricevuto una telefonata da un collega che voleva parlarmi di una piccola comunità che vive nella campagna ungherese, lontana dalle vie affollate di Budapest: avevano bisogno di aiuto. Un’organizzazione luterana...

L’Ue ha 60 anni, ma il meglio deve ancora arrivare

Blog di Saskia Richart -Vicedirettrice Greenpeace EU | 24 marzo, 2017

Lili aveva circa quarant’anni – la mia età oggi – quando nel 1957 i governi europei si riunirono per creare quella che sarebbe poi diventata l’Unione europea. Dalle rovine della guerra, Lili e la sua generazione alimentarono lo...

Mars e Nestlé fanno un passo importante per proteggere i nostri oceani, cosa...

Blog di Giorgia Monti - Resp. camp. Mare Greenpeace Italia | 20 marzo, 2017

Grazie alle richieste dei consumatori, Mars e Nestlé – le due più grandi compagnie al mondo di cibo per animali – hanno deciso di prendere provvedimenti affinché nei loro prodotti non arrivi pesce catturato con attività che danneggiano...

1 - 10 di 411 risultati.