Canale di Sicilia

Il Canale di Sicilia è un area di altissimo valore ecologico e biologico che ancora aspetta la dovuta protezione. Proprio nel Canale vi sono aree uniche come i banchi d'alto mare, formazione vulcaniche, canyon sottomarine e una vita marina tra cetacei, pesci e invertebrati, unica al mondo.

Dettagli video



Riserve marine

Sempre più dati scientifici indicano come l'istituzione di una rete di riserve marine su larga scala, che protegga le specie e gli ecosistemi marini, può contrastare la crisi del patrimonio ittico e garantire un’efficace tutela delle attività di pesca.

Riserve marine ora

Mar Mediterraneo

Le riserve marine possono giovare alle zone di pesca adiacenti sia perché i pesci adulti possono sconfinare oltre il perimetro della riserva, sia per il passaggio di uova e di larve. All'interno delle riserve, le colonie possono crescere in dimensione, i pesci possono vivere più a lungo e, col tempo, migliorare il proprio tasso di riproduzione. Le riserve marine potrebbero, inoltre, avvantaggiare anche le specie migratorie come gli squali e i tonni, qualora fossero create dove queste specie sono più vulnerabili, come nelle zone di riproduzione.

Le riserve marine sono aree proibite a qualsiasi uso estrattivo - attività di pesca o minerarie - e di scarico. All'interno possono esserci delle zone dove non è concessa alcuna attività umana, ad esempio zone che fungono da aree scientifiche o dove ci sono habitat e specie particolarmente sensibili. In altre zone costiere, invece, può essere autorizzata una pesca su piccola scala, non distruttiva, sostenibile, con la piena partecipazione di tutte le comunità locali interessate.

Evitare il sovrasfruttamento delle risorse ittiche è l'obiettivo primario dell'istituzione delle riserve marine. Sono fondamentali anche per proteggere l'ambiente marino dall'inquinamento, in particolare da quello causato dallo scarico dei rifiuti.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Stop alla pesca pirata

Immagine | 13 luglio, 2001 a 12:19

Attivisti in azione a Fontana di Trevi per dire Stop alla pesca pirata.

Un gommone di Greenpeace in azione

Immagine | 8 gennaio, 2000 a 0:00

Un gommone di Greenpeace in azione, nelle gelide acque dell'Oceano Meridionale, per ostacolare le operazioni di carico a bordo di una balena appena uccisa.

Anche un aumento di un solo grado centigrado

Immagine | 1 aprile, 1998 a 0:00

Anche un aumento di un solo grado centigrado rispetto alla temperatura massima in estate può innescare il processo di sbiancamento dei coralli. Questa immagine si riferisce alla Grande Barriera Corallina, nell'Oceano Pacifico Meridionale.

Principi di Greenpeace per una pesca ecologicamente responsabile [ Documento...

Pubblicazione | 4 febbraio, 1996 a 0:00

L'umanità dipende per la sua sopravvivenza dal corretto funzionamento degli ecosistemi del pianeta. I nostri mari sono in pericolo: attività di pesca troppo intensive minacciano la biodiversità. Questo documento, seppure in una versione...

La Comunità europea e la pesca con reti derivanti. Argomenti in favore di una totale...

Pubblicazione | 5 giugno, 1993 a 0:00

Questo rapporto, pubblicato da Greenpeace nel 1993 denuncia i rischi ambientali legati alla pesca d'altura con reti derivanti e i limiti del Regolamento CEE n. 345/92.

Delfino comune nelle acque del Mediterraneo

Immagine | 1 agosto, 1991 a 1:00

Delfino comune nelle acque del Mediterraneo.

La petroliera cipriota "Haven" che brucia

Immagine | 15 aprile, 1991 a 1:00

La petroliera cipriota "Haven" che brucia nel golfo di Genova.

Branco di tonni.

Immagine | 1 gennaio, 1989 a 1:00

Branco di tonni.

381 - 388 di 388 risultati.

Categorie