Canale di Sicilia

Il Canale di Sicilia è un area di altissimo valore ecologico e biologico che ancora aspetta la dovuta protezione. Proprio nel Canale vi sono aree uniche come i banchi d'alto mare, formazione vulcaniche, canyon sottomarine e una vita marina tra cetacei, pesci e invertebrati, unica al mondo.

Dettagli video



Riserve marine

Sempre più dati scientifici indicano come l'istituzione di una rete di riserve marine su larga scala, che protegga le specie e gli ecosistemi marini, può contrastare la crisi del patrimonio ittico e garantire un’efficace tutela delle attività di pesca.

Riserve marine ora

Mar Mediterraneo

Le riserve marine possono giovare alle zone di pesca adiacenti sia perché i pesci adulti possono sconfinare oltre il perimetro della riserva, sia per il passaggio di uova e di larve. All'interno delle riserve, le colonie possono crescere in dimensione, i pesci possono vivere più a lungo e, col tempo, migliorare il proprio tasso di riproduzione. Le riserve marine potrebbero, inoltre, avvantaggiare anche le specie migratorie come gli squali e i tonni, qualora fossero create dove queste specie sono più vulnerabili, come nelle zone di riproduzione.

Le riserve marine sono aree proibite a qualsiasi uso estrattivo - attività di pesca o minerarie - e di scarico. All'interno possono esserci delle zone dove non è concessa alcuna attività umana, ad esempio zone che fungono da aree scientifiche o dove ci sono habitat e specie particolarmente sensibili. In altre zone costiere, invece, può essere autorizzata una pesca su piccola scala, non distruttiva, sostenibile, con la piena partecipazione di tutte le comunità locali interessate.

Evitare il sovrasfruttamento delle risorse ittiche è l'obiettivo primario dell'istituzione delle riserve marine. Sono fondamentali anche per proteggere l'ambiente marino dall'inquinamento, in particolare da quello causato dallo scarico dei rifiuti.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Quante vittime per una scatoletta di tonno

Blog di Giorgia Monti, campaigner Mare | 12 ottobre, 2012

Il pescatore indonesiano coperto dal grande cappello di tela per ripararsi dal sole, il giovane vietnamita dagli occhi tristi, il filippino piegato a raccogliere la lenza con le mani bruciate. Cambiano i pescherecci, ma le facce che ci...

Una trivella davanti al Ministero dell'Ambiente

Immagine | 9 ottobre, 2012 a 19:58

Di fronte al Ministero, gli attivisti di Greenpeace hanno piazzato una trivella di quattro metri a simboleggiare il rischio di un disastro petrolifero nel Canale di Sicilia e hanno aperto uno striscione con un appello rivolto al ministro Clini...

Ottomila squali uccisi in un'ora per le loro pinne

Blog di Giorgia Monti, responsabile campagna Mare | 8 ottobre, 2012 10 commenti

Oceano Indiano, dodicesimo giorno di navigazione a bordo della Rainbow Warrior. Dopo aver fatto visita alla flotta europea impegnata nella pesca al tonno , siamo diretti a est, sud del Madagascar, alla ricerca dei pescherecci asiatici...

A vele spiegate per proteggere l'Oceano Indiano

Blog di Giorgia Monti, responsabile campagna Mare | 2 ottobre, 2012 2 commenti

Siamo partiti una settimana fa da Maputo, Mozambico, a bordo della Rainbow Warrior. Direzione sud est, zone d'alto mare dell'Oceano Indiano al largo del Madagascar. Obbiettivo: documentare le attività di pesca e monitorare l'area. È...

Abbiamo finito anche le sardine

News | 28 settembre, 2012 a 12:47

Il pesce azzurro è al collasso. In Adriatico crollano acciughe e sardine. Colpa della cattiva gestione delle risorse ittiche in Italia. Con il rapporto "Blu gold in Italy", pubblichiamo i risultati di un'inchiesta realizzata a Chioggia che,...

Pesce azzurro al collasso

Pubblicazione | 28 settembre, 2012 a 11:00

Con il rapporto “Blu gold in Italy” Greenpeace analizza la vicenda del collasso dei piccoli pelagici, il più comune pesce azzurro, nell’Adriatico settentrionale. Ne esplora le cause e rileva aspetti preoccupanti della gestione delle risorse...

Chi inquina paga

News | 26 settembre, 2012 a 11:45

La Corte di Cassazione francese ha reso noto ieri il suo verdetto sul caso Erika, confermando tutte le condanne penali nei confronti della Total per il naufragio alla petroliera Erika, uno dei peggiori disastri ambientali mai avvenuti al largo...

Sono a bordo del rompighiaccio di Greenpeace. Missione: #SaveTheArctic

Blog di Rebecca Borraccini, addetta stampa a bordo | 9 agosto, 2012 15 commenti

È inaspettatamente caldo a Murmansk , la capitale polare della Russia. Colpa dei cambiamenti climatici? In questa città, all'estremo nord occidentale della Federazione Russa, al confine con i Paesi scandinavi, vivono più di 300 mila...

I tesori sommersi del Canale di Sicilia

Pubblicazione | 3 agosto, 2012 a 14:24

Greenpeace insieme a Ispra ha realizzato una spedizione scientifica nel Canale di Sicilia che documenta la biodiversità dei banchi d'alto mare.

Un arcobaleno in fondo al mare

Video | 27 luglio, 2012 a 13:23

Greenpeace e i ricercatori dell'Ispra sulla nave Astrea documentano la biodiversità dei banchi d'alto mare del Canale di Sicilia, utilizzando il ROV, il veicolo filoguidato dotato di telecamera che scende fino a 160 metri di profondità. C'è un...

61 - 70 di 385 risultati.

Categorie