OGM? No grazie!

Oggi gli OGM non mostrano alcun beneficio per i consumatori e gli agricoltori, ma solo per l'industria biotech. Queste multinazionali brevettano e vendono semi transgenici e sostanze chimiche collegate, in cambio di problemi e quesiti irrisolti per l'ambiente e la sicurezza alimentare.

Non è raro che gli OGM vengano presentati come il rimedio per la fame nel mondo o come un passo verso un'agricoltura rispettosa dell'ambiente. In realtà, gli organismi geneticamente modificati non sono altro che una sfaccettatura di un settore agricolo di stampo industriale, in cui l'uso di erbicidi e pesticidi è molto diffuso. Inoltre, il rilascio di OGM nell'ambiente comporta notevoli rischi, come la perdita di biodiversità, e molti altri addirittura imprevedibili.

Greenpeace si batte da anni contro il rilascio in ambiente degli Organismi Geneticamente Modificati (OGM), perchè sono portatori di troppi rischi per permetterne la diffusione. Sono un pericolo per l'ambiente, comportano rischi per la salute e minacciano gli equilibri economici e sociali. Sollevano, inoltre, questioni etiche che non sono state sufficientemente discusse.

Greenpeace si oppone alla coltivazione di OGM in campo aperto. Perché è una fonte di inquinamento genetico. Perché minaccia la biodiversità. Perché inevitabilmente contamina le coltivazioni tradizionali e biologiche.

Greenpeace non si oppone invece alla ricerca in un ambiente confinato (laboratorio), in particolare  in campo medico. Noi non siamo contro la ricerca o il progresso. Noi sosteniamo una scienza che sia a vantaggio di tutti e che rispetti l'ambiente.

Oggi, non è così. Gli OGM arricchiscono soltanto grandi aziende come Monsanto e Bayer. Gli organismi geneticamente modificati non hanno un rendimento superiore a quello delle colture tradizionali. Non sono più sicuri e non resistono alla siccità. Impoveriscono ulteriormente i piccoli agricoltori, standardizzando le pratiche agricole e minacciando la biodiversità.

Oggi rischiamo di ritrovarci gli OGM in tavola perché ci è stato negato il diritto di conoscere quale siano gli ingredienti geneticamente modificati presenti nella catena alimentare. Ai consumatori viene negato il diritto di poter scegliere. Gli OGM permettono a una piccolissima minoranza di decidere sul resto dell'umanità.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Mais OGM: perché rischiare?

Blog di Federica Ferrario, campaigner OGM | 21 settembre, 2012 4 commenti

Per due anni, ricercatori guidati da Gilles-Eric Seralini , professore presso l'Università di Caen e membro del CRIIGEN (Comitato per la ricerca indipendente e sull'ingegneria genetica), hanno studiato ratti alimentati con mais...

Perché i prezzi del cibo aumentano?

Blog di Andrea Boraschi, campaigner Energia e Clima | 20 luglio, 2012 3 commenti

Negli Stati Uniti, uno dei più grandi Paesi produttori di frumento, soia e mais, il Department of Agriculture ha recentemente registrato una riduzione della produzione del 12% dovuta alle “scarse precipitazioni piovose associate a...

Sperimentazioni di OGM in ambiente: un affare rischioso (e costoso)

Pubblicazione | 31 maggio, 2012 a 11:38

Perché le contaminazioni causate da campi sperimentali sono rilevanti? Perché dovremmo essere preoccupati della presenza di colture OGM sperimentali nei nostri alimenti? Coltivazioni convenzionali e biologiche possono essere contaminate da campi...

Il dovere di proteggere l’ambiente…anche se costa caro

Blog di Federica Ferrario, campaigner OGM | 22 maggio, 2012 2 commenti

Se camminando per strada ti accorgi che in un giardino c'è una tubazione da cui fuoriesce petrolio, che fai? Cercherai sicuramente di attirare l'attenzione per evitare un pesante danno ambientale. Se dopo che hai contattato tutte le...

All'Italia serve un ministro dell'Ambiente non del Biotech

News | 15 marzo, 2012 a 16:51

Sul tema OGM, il ministro dell'Ambiente annuncia un'apertura e chiede una riflessione seria. "Grazie all'ingegneria genetica - dichiara Clini - sono stati ottenuti molti dei nostri prodotti tipici. Il grano duro, il riso Carnaroli, il pomodoro...

Salvare il pianeta non ha prezzo. Per tutto il resto c’è…

News | 23 febbraio, 2012 a 15:51

Difendere le balene dall'estinzione? 9.065 euro di multa. Protestare contro una centrala a carbone? 20.520 euro di multa. Proteggere l'Italia dalla contaminazione OGM? 86.250 euro di multa. Lottare contro i cambiamenti climatici? foglio di via...

OGM no grazie: BASF si ritira dall'Europa

News | 17 gennaio, 2012 a 11:35

BASF ha dovuto ammetterlo: agli europei gli OGM non piacciono. Ieri, è arrivato l'annuncio ufficiale dell'azienda che sta abbandonando i piani per sviluppare e commercializzare colture OGM in Europa.

In Europa cresce la resistenza agli OGM

News | 5 luglio, 2011 a 18:21

Con il voto di oggi, il Parlamento europeo fa un passo avanti verso un'Europa OGM free. Il Parlamento ha infatti deciso di rafforzare la proposta della Commissione UE per dare agli Stati Membri il diritto di vietare la coltivazione di OGM sul...

Resistenza agli erbicidi e colture OGM. I problemi legati al glifosato

Pubblicazione | 5 luglio, 2011 a 17:02

Resistenza agli erbicidi ed effetti negativi sulla biodiversità. Sono questi i temi trattati dal nuovo rapporto di Greenpeace, elaborato in collaborazione con GM Freeze: "Resistenza agli erbicidi e colture OGM. I problemi legati al glifosato".

Perchè mettere olio OGM sugli scaffali pugliesi?

Blog di mgiuglia | 16 febbraio, 2011 8 commenti

I nostri “detective di OGM” , nel corso di alcuni controlli, hanno scoperto due oli con soia OGM in vendita in alcuni supermercati pugliesi, prodotti dall’azienda barese Dentamaro Srl. Da quando nel 2004 è in vigore l'etichettatura...

21 - 30 di 172 risultati.

Categorie
Tag