OGM? No grazie!

Oggi gli OGM non mostrano alcun beneficio per i consumatori e gli agricoltori, ma solo per l'industria biotech. Queste multinazionali brevettano e vendono semi transgenici e sostanze chimiche collegate, in cambio di problemi e quesiti irrisolti per l'ambiente e la sicurezza alimentare.

Non è raro che gli OGM vengano presentati come il rimedio per la fame nel mondo o come un passo verso un'agricoltura rispettosa dell'ambiente. In realtà, gli organismi geneticamente modificati non sono altro che una sfaccettatura di un settore agricolo di stampo industriale, in cui l'uso di erbicidi e pesticidi è molto diffuso. Inoltre, il rilascio di OGM nell'ambiente comporta notevoli rischi, come la perdita di biodiversità, e molti altri addirittura imprevedibili.

Greenpeace si batte da anni contro il rilascio in ambiente degli Organismi Geneticamente Modificati (OGM), perchè sono portatori di troppi rischi per permetterne la diffusione. Sono un pericolo per l'ambiente, comportano rischi per la salute e minacciano gli equilibri economici e sociali. Sollevano, inoltre, questioni etiche che non sono state sufficientemente discusse.

Greenpeace si oppone alla coltivazione di OGM in campo aperto. Perché è una fonte di inquinamento genetico. Perché minaccia la biodiversità. Perché inevitabilmente contamina le coltivazioni tradizionali e biologiche.

Greenpeace non si oppone invece alla ricerca in un ambiente confinato (laboratorio), in particolare  in campo medico. Noi non siamo contro la ricerca o il progresso. Noi sosteniamo una scienza che sia a vantaggio di tutti e che rispetti l'ambiente.

Oggi, non è così. Gli OGM arricchiscono soltanto grandi aziende come Monsanto e Bayer. Gli organismi geneticamente modificati non hanno un rendimento superiore a quello delle colture tradizionali. Non sono più sicuri e non resistono alla siccità. Impoveriscono ulteriormente i piccoli agricoltori, standardizzando le pratiche agricole e minacciando la biodiversità.

Oggi rischiamo di ritrovarci gli OGM in tavola perché ci è stato negato il diritto di conoscere quale siano gli ingredienti geneticamente modificati presenti nella catena alimentare. Ai consumatori viene negato il diritto di poter scegliere. Gli OGM permettono a una piccolissima minoranza di decidere sul resto dell'umanità.

Gli ultimi aggiornamenti

 

1 Milione di firme contro gli OGM

Immagine | 9 dicembre, 2010 a 15:12

Petizione consegnata. La prima "iniziativa dei cittadini", promossa da Greenpeace e Avaaz per chiedere una moratoria europea sugli OGM, è arrivata stamattina nelle mani di John Dalli, il commissario alla Salute dell'Unione europea.

Un milione di ragioni per dire no agli OGM

News | 9 dicembre, 2010 a 0:00

Bruxelles, International — Petizione consegnata. La prima "iniziativa dei cittadini", promossa da Greenpeace e Avaaz per chiedere una moratoria europea sugli OGM, è arrivata stamattina nelle mani di John Dalli, il commissario alla Salute...

Più di un milione contro gli OGM in Europa

News | 6 ottobre, 2010 a 0:00

Bruxelles, International — Obiettivo superato. La petizione che abbiamo lanciato insieme ad Avaaz per chiedere una moratoria europea sugli OGM ha raccolto più di un milione di firme. Ora la Commissione europea dovrà prendere sul serio le nostre...

I benefici della biodiversità nella coltivazione del riso

Pubblicazione | 29 settembre, 2010 a 0:00

La Cina è ilmaggior produttore di riso in termini di raccolto e il secondo per superficie seminata; il 93%delle risaie cinesi sono costantemente irrigate. Nel 2008, i risicoltori cinesi hanno prodotto 193milioni di tonnellate di riso da oltre...

Pagano i risicoltori

Pubblicazione | 29 settembre, 2010 a 0:00

Nell'agosto del 2006, il mercato del riso a livello mondiale è stato scosso dall'annuncio del Dipartimento americano dell'agricoltura (Usda) dell’avvenuta contaminazione dei raccolti statunitensi da parte di un riso Ogm, in fase di sperimentaz...

Il buon cibo andato a male

Pubblicazione | 10 settembre, 2010 a 0:00

Il nuovo libro della cucina OGM "Il buon cibo andato a male" Ricette transgeniche per un disastro sicuro

In azione contro il mais OGM in Friuli

Video | 30 luglio, 2010 a 12:30

Dopo aver ottenuto le prove dell'esistenza di un secondo campo di mais OGM in Friuli, Greenpeace ha messo in sicurezza la parte superiore delle piante di mais OGM, che produce il polline, responsabile della contaminazione su vasta scala. Il mais...

Allarme OGM. Le analisi confermano campo di mais transgenico in Friuli

News | 29 luglio, 2010 a 0:00

Roma, Italia — Il campo di mais nel comune di Fanna (Pordenone) è transgenico! Per la precisione si tratta di MON810, un mais OGM brevettato dalla statunitense Monsanto. Lo confermano le analisi effettuate da un laboratorio certificato sui...

Il vero costo degli OGM

Pubblicazione | 15 luglio, 2010 a 0:00

Mentre l'industria biotech continua a propagandare l'ingegneria genetica come la soluzione per innumerevoli problemi, è nei nostri campi e nei mercati che si manifesta la vera realtà.

Il vero costo degli OGM

News | 15 luglio, 2010 a 0:00

Roma, Italia — Mentre la Commissione europea si inventa trucchi per favorire le autorizzazioni agli OGM, noi pubblichiamo "Il vero costo degli OGM", una serie di casi che evidenziano i fallimenti degli Ogm su diversi fronti.

31 - 40 di 172 risultati.

Categorie
Tag