Greenpeace alla fiera del riso: cibo & ogm un'accoppiata perdente

Comunicato stampa - 2010-09-29
Isola della Scala (VR), Italia — Giovedì 30 settembre alle 18.00, presso la Fiera del Riso di Isola della Scala, Greenpeace lancerà un appello nel cuore della produzione del riso Vialone Nano veronese, per salvaguardare il riso e tutto l'agroalimentare italiano da possibili contaminazioni OGM.

Al convegno “OGM FREE” - organizzato da Greenpeace e dal Comitato Tecnico Scientifico per la valorizzazione del riso Vialone nano - interverranno  Federica Ferrario, responsabile campagna OGM di Greenpeace e Ferdinando Sbizzera, del Comitato Tecnico Scientifico, insieme ai rappresentanti di Coldiretti, Slow Food e Aiab. E' invitato anche il governatore del Veneto Luca Zaia.

La decisione di Greenpeace di organizzare un convegno per parlare di OGM FREE si inserisce in un dibattito quanto mai attuale. A livello europeo, infatti, si voterà presto per l'autorizzazione all’importazione del riso Ogm della Bayer (LL62), modificato per resistere a un erbicida tossico, il glufosinato. Per questo Greenpeace ha anche  lanciato una petizione online per chiedere una moratoria sugli OGM a livello europeo (http://www.greenpeace.org/italy/futuro-libero-da-OGM).

”L’Italia è il principale produttore di riso e di biologico a livello europeo, non avrebbe senso rischiare col riso transgenico. Anche la Bayer ha ammesso che questo riso potrebbe accidentalmente germinare, col rischio di contaminare la produzione nazionale - afferma Federica Ferrario, responsabile campagna OGM di Greenpeace - Tutto ciò mentre permangono i dubbi sulla sicurezza per il consumo animale e umano degli OGM. Vogliamo mandare un messaggio forte al governo italiano e alle autorità europee per impedire l’importazione del riso transgenico e ufficializzare l'Italia libera da OGM su tutto il territorio nazionale.”

"Questa è l'occasione per riportare in discussione un argomento molto importante, la salubrità degli alimenti e contestualmente la difesa delle colture e dell'economia della nostra agricoltura e in particolare del nostro riso Vialone Nano veronese. - afferma Ferdinando Sbizzera, del Comitato Tecnico Scientifico per la salvaguardia del riso Vialone Nano Veronese - Un'eccellenza a livello europeo, che sarebbe anacronistico distruggere a causa degli OGM."

In occasione dell'incontro Greenpeace pubblica due nuovi casi studio del report “Il vero costo degli OGM”, nei quali vengono evidenziati sia i danni subiti dai risicoltori in seguito al rilascio accidentale di un altro riso OGM della Bayer, che i benefici della biodiversità osservati nella coltivazione del riso.

Negli ultimi dieci anni ci sono stati quasi trecento casi documentati di contaminazione da Ogm. Una volta rilasciati in ambiente, gli organismi geneticamente modificati sono fuori controllo: se qualcosa va storto, è quasi impossibile riportarli in laboratorio.

Al termine della conferenza verrà offerto a tutti i presenti un piatto di risotto rigorosamente NON-OGM, dal riso Vialone nano veronese fino al parmigiano reggiano biologico.

 

Note

Link:


I benefici della biodiversità: scarica il pdf

Pagano i risicoltori: scarica il pdf

Appello “Giù le mani dal nostro riso”: scarica il pdf

Liberty Link 62: un riso troppo amaro: scarica il rapporto

Categorie