Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Approvata la nuova norma sugli OGM

1 commento
News - 13 gennaio, 2015
Approvata oggi dal Parlamento UE la modifica alla direttiva sugli OGM che consentirà ai Paesi membri di vietare la coltivazione degli organismi geneticamente modificati sul proprio territorio.

Una buona notizia? Sì, ma "a metà": la norma infatti contiene lacune importanti e ci vorranno mesi per il suo recepimento in Italia, mentre dobbiamo difenderci subito dal mais transgenico della Monsanto - il MON810 - unico OGM attualmente autorizzato per la coltivazione in Europa!

In Italia ne è vietata la coltivazione, ma si tratta di un bando temporaneo, e visto le tempistiche di entrata in vigore di questa nuova norma europea, il bando attualmente in essere deve essere rinnovato.

Cosa dice la nuova legge sugli OGM?

Fra i punti critici il fatto che concede alle aziende biotech la possibilità di negoziare direttamente con i governi e non permette ai Paesi di usare motivazioni di carattere ambientale per giustificare i bandi nazionali. Le motivazioni con cui il governo può giustificare il bando "non devono, in nessun caso, confliggere con la valutazione di impatto ambientale" condotta dall'EFSA (Autorità europea per la sicurezza alimentare). In altre parole i governi non possono basare i bandi su specifici impatti ambientali o evidenze di possibili danni da parte delle coltivazioni OGM a livello nazionale, anche nel caso in cui questi rischi non siano stati presi in considerazione da parte della valutazione dell'EFSA.

Categorie
1 Commento Aggiungi commento

fiordaliso ha detto:

Un NO categorico agli organismi geneticamente modificati!
Produrre alimenti per soddisfare il bisogno umano, senza valutare le conseguen...

Posted 19 gennaio, 2015 a 22:40 Segnala un abuso Reply

Read More Read Less

Invia un commento 

Per inviare un commento devi essere registrato.