Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Fatti sentire! E' in gioco il futuro del clima!

Aggiungi un commento
News - 22 ottobre, 2014
Nelle prossime ore, al Consiglio Europeo decideranno il futuro dell’energia e del clima, e noi vogliamo farci sentire per dire no a trivelle e carbone. Il futuro è rinnovabile!

Domani e venerdì c’è un appuntamento importantissimo per le scelte energetiche a livello comunitario. Matteo Renzi è il presidente di turno della UE, e dovrà decidere che strada prendere: se avallare le ragioni del petrolio e delle altre fonti fossili, come vorrebbe fare “a casa” con il recente decreto Sblocca Italia, oppure se aprire finalmente le porte a rinnovabili ed efficienza energetica, unica soluzione per fermare i cambiamenti climatici.

 

Non vogliamo che vengano prese delle decisioni “fossili” e soprattutto non vogliamo che sia fatto senza neppure ascoltarci. Per questo stiamo chiedendo al Premier Renzi di rottamare le energie sporche, e non il clima!

Mentre scriviamo, migliaia di tweet stanno invadendo la bacheca Twitter di Renzi, per chiedere di mettere un freno a questa deriva fossile.

Ma non è tutto. Le alternative ci sono, e basterebbe un po’ di lungimiranza- ambientale, etica, ed economica – per assicurare al nostro Paese uno scenario energetico più sostenibile e pulito.

Abbiamo fatto i conti – anzi, li abbiamo fatti fare ad un istituto indipendente, Althesys – e i risultati parlano chiaro: puntando sulle fonti rinnovabili si avrebbero ricadute ottimali non solo sul versante ambientale, ma anche su quello economico ed occupazionale, arrivando ad ottenere in Italia 174 miliardi di valore aggiunto e 100 mila posti di lavoro al 2030.

Il momento di farsi sentire è ADESSO! CHIEDI anche tu a Renzi di dare “una svolta buona” per il clima e per il benessere della collettività, non per i petrolieri: SCRIVIGLI ORA! 

Categorie
Non ci sono commenti Aggiungi commento

Invia un commento 

Per inviare un commento devi essere registrato.