Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

In azione! Stiamo bloccando le trattative sul TTIP

News - 22 febbraio, 2016
30 attivisti incatenati al centro conferenze dove si svolge il nuovo round di trattative a porte chiuse tra UE e USA

I nostri attivisti stanno bloccando gli ingressi del palazzo in cui si terranno le negoziazioni sul TTIP, il Trattato transatlantico su commercio ed investimenti, mentre alcuni climber hanno aperto sulla facciata dell’edificio un grande striscione che raffigura il TTIP come una strada senza uscita, un vicolo cieco per l’Europa.

Il TTIP è una minaccia per la democrazia, la protezione dell’ambiente, gli standard di sicurezza sulla salute, le condizioni dei lavoratori, a tutto vantaggio delle grandi compagnie: ormai è chiaro che l'accordo non riguarda il commercio, bensì il trasferimento di potere decisionale dalle persone alle grandi multinazionali!

La verità è che quelle che la Commissione europea chiama "barriere al commercio”, sono misure di sicurezza che tengono lontani OGM e pesticidi dal cibo che mangiamo e le sostanze tossiche dall’aria che respiriamo.

 

I negoziatori della Commissione UE e del dipartimento del commercio degli Stati Uniti hanno in programma 5 giorni di trattative su un particolare e controverso aspetto del TTIP: l’ICS (Investment Court System), cioè l’ultima versione della Corte di giustizia privata (in origine chiamata ISDS) che permetterebbe agli investitori stranieri di sfidare le norme che difendono cittadini e ambiente, anche per aspetti come il cibo, l’inquinamento chimico e l’energia.

Secondo lo schema proposto dalla Commissione l’ICS potrebbe:

· istituire un sistema giudiziario privilegiato che consentirebbe alle multinazionali di bypassare le corti nazionali;

· consentire ai giudici dell’ICS, che non sarebbero assegnati permanentemente a questa corte, di poter accettare incarichi dalle aziende private, sollevando serie preoccupazioni su possibili conflitti di interessi;

· consentire trattamenti preferenziali per aziende straniere rispetto a quelle locali o nazionali;

· violare i principi democratici e il diritto dei governi ad adottare e applicare leggi;

· avere un effetto deterrente per le autorità pubbliche, scoraggiandole ad adottare e far rispettare norme di interesse pubblico, per paura di essere perseguiti.

L’istituzione di un tribunale speciale a protezione dei profitti delle aziende private è una seria minaccia per la democrazia e minaccerebbe il diritto dei governi di adottare leggi a tutela dei cittadini e contro gli interessi delle multinazionali.

Milioni di persone hanno già firmato la petizione per fermare il TTIP, scegliendo di stare dalla parte dei diritti delle persone e dell’ambiente: FIRMA ANCHE TU!

Categorie