Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Detox diventa fashion. Vittoria su H&M

News - 20 settembre, 2011
Fuori le sostanze tossiche! H&M si impegna a ripulire tutti i processi produttivi legati alla fabbricazione dei suoi prodotti entro il 2020. Click online e steaker sulle vetrine dei negozi hanno convinto in sette giorni anche il brand che fa tendenza.

L’impegno di H&M, secondo rivenditore di abbigliamento al mondo, si  unisce a quello di Nike, Adidas e Puma: adottando i criteri di Greenpeace per ripulire l’intera catena di fornitura, il futuro toxic-free è più vicino.

La nuova moda è Detox. Composti pericolosi e inquinanti sono superati. Se lo dice H&M, ci aspettiamo che l’intero settore fashion cambi tendenza.


Basta con i “Panni sporchi”

La pubblicazione delle nostre inchieste “Panni sporchi” e “Panni sporchi 2” ha fatto emergere il devastante impatto dell’industria tessile sulle acque di tutto il mondo. Siamo riusciti a rivelare  la connessione fra le più grandi aziende al mondo di abbigliamento e fabbriche tessili che riversano sostanze tossiche nei principali fiumi cinesi. Poi abbiamo denunciato la contaminazione di capi d’abbigliamento di 14 brand, incluso H&M, con nonilfenoli etossilati (NPE) che, una volta dispersi in acqua, si trasformano in un composto tossico e capace di alterare il sistema ormonale dell’uomo: il nonilfenolo (NP).

Grazie alla campagna”Detox”, ora Nike, Adidas, Puma e H&M stanno lavorando su piani di azione individuali per dimostrare come riusciranno a mettere in pratica l’impegno assunto.

H&M ha anche accettato di rispettare il “diritto di sapere” per garantire la piena trasparenza sull’uso e le emissioni dei composti dagli impianti dei propri fornitori, con l’obiettivo di pubblicare i primi dati entro la fine del 2012.

Noi continueremo a lavorare con queste aziende e a incoraggiare gli altri brand, inclusa l’italiana Kappa, a unirsi alla rivoluzione “Detox”.

Diventa cyberattivista

Grazie alla partecipazione di migliaia di utenti online, la campagna Detox sto raccogliendo un successo dopo l’altro. Fare pressione sulle aziende, attraverso petizioni online, twitter e Facebook è una strategia vincente. Diventa cyberattivista e aiutaci a vincere le nostre battaglie.

Categorie