Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Fukushima: ultimi aggiornamenti

News - 24 marzo, 2011
L'aggiornamento che riportiamo di seguito è stato elaborato sulla base di informazioni circolate ufficialmente e della cui affidabilità non possiamo garantire.

Al 24 marzo 2011:

  • Il reattore n.1 é instabile. La pressione é passata in 24 ore da 320 a 400 kPa. Se dovesse arrivare a 450 kPa si potrebbe fratturare il guscio (non sono escluse esplosioni) rilasciando radioattività.
  • Aumentano i livelli di contaminazione radioattiva. Il governo ha avviato una serie di analisi sulla contaminazione radioattiva negli alimenti con risultati preoccupanti. Inoltre il governo giapponese ha ammesso che chi stava all'aria aperta in alcune aree a distanza di oltre 30km dalla centrale (cioé fuori dall'area di esclusione) potrebbe aver assorbito radiazioni fino a 4mSv dal solo iodio radioattivo. Se un milione di persone è stata esposta a queste radiazioni, ne deriveranno 200 casi mortali di cancro (alla tiroide).
  • Prime stime delle emissioni di radionuclidi. Secondo l'istituto austriaco ZAMG (Zentralanstalt fur Meteorologie und Geodynamik: Istituto Centrale di Metereologia e Geodinamica), l'incidente di Fukushima avrebbe rilasciato il 20% dello Iodio 131 e il 50% del Cesio 137 rilasciati da Cernobyl. Lo Iodio dimezza la sua radioattività in 8 giorni, il Cesio in 30 anni.

Categorie