Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Le baleniere e i rifornimenti illegali in Antartide

News - 24 gennaio, 2008
Gli attivisti di Greenpeace hanno ostacolato il rifornimento di carburante dalla nave cisterna Oriental Bluebird alla nave macelleria giapponese Nisshin Maru. Si tratta di un'operazione illegale nelle acque antartiche per i rischi ambientali che essa comporta. Un gommone si è infiltrato tra le due navi rallentandone l'avvicinamento per il passaggio di carburante.

I gommoni di Greenpeace ostacolano le attività di rifornimento carburante della flotta baleniera giapponese nelle acque antartiche.

I membri dell'equipaggio dell'Esperanza hanno avvertito le baleniere giapponesi che la nostra nave e gli attivisti sui gommoni si trovavano dietro l'Oriental Bluebird per impedire le operazioni di rifornimento. Ma le due navi hanno continuato ad avvicinarsi, mentre uno dei gommoni rischiava di restare intrappolato.

Sakyo Noda, responsabile campagna Balene di Greenpeace Giappone, ha mandato un chiaro messaggio all'Oriental Bluebird: la nave cisterna deve lasciare subito le acque antartiche; il rifornimento è un'attività pericolosa che mette a rischio un ambiente incontaminato e protetto come l'Antartide. Proprio l'anno scorso la Nishin Maru ha subito un incendio mentre era in prossimità dell'Oriental Bluebird: non è escluso che fosse in corso un trasbordo tra le due navi.

La nave cisterna con bandiera panamense non è nemmeno ufficialmente registrata come parte della flotta baleniera e non dovrebbe essere lì. Il governo panamense - che si è schierato a difesa delle balene nell'IWC - si rende complice della loro mattanza, se permette all'Oriental Bluebird di rifornire la Nisshin Maru sotto la propria bandiera.

Categorie