Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Il premio Nereide a Caterina Nitto

Caterina premiata per il suo impegno di attivista a tutela delle balene

News - 13 ottobre, 2006
Caterina Nitto, attivista di Greenpeace che da tre anni è in prima linea, a bordo dei nostri gommoni, per difendere le balene dagli arpioni giapponesi riceverà domani il premio Nereide per la salvaguardia dell'ambiente. La cerimonia di premiazione si terrà a Ischia, nell'incantevole scenario di Villa Arbusto.

Caterina Nitto, skipper di professione e attivista di Greenpeace, in azione per fermare le navi baleniere giapponesi e difendere le balene.

Questo premio è un riconoscimento importante che premia il coraggio, la passione e l'impegno di una donna pronta a sfidare le acque antartiche e gli arpioni dei balenieri per denunciare l'assurdo massacro di cetacei.

Nonostante la moratoria internazionale introdotta nel 1986, Giappone e Norvegia continuano a cacciare le balene per scopi commerciali. Anche l'Islanda ha reintrodotto la caccia ed è tornata a far parte del blocco di paesi favorevoli alla rimozione della moratoria. Le balene, in particolare le balenottere minori, continuano ad essere cacciate nell'Atlantico Settentrionale e in Antartide, dove in teoria sarebbero protette dal Santuario Internazionale.

Delle imprese di Caterina, milanese, skipper di professione, hanno parlato giornali, radio e tv. Il suo diario scritto a bordo della nave Esperanza comunica tutto l'entusiasmo, ma anche l'estenuante sacrificio di un'esperienza incredibile. Senza la determinazione e la tenacia dei nostri attivisti nessuna campagna potrebbe avere successo.

Anche quest'anno le navi giapponesi si apprestano a cacciare le balene nel mar Antartico ma dovranno fare i conti con i piccoli e scattanti gommoni di Greenpeace. E con Caterina…naturalmente!

Ecco alcune delle testimonianze che Caterina ci ha inviato direttamente dalla nave Esperanza:

Caterina Nitto - 9 dicembre 2005

Sono senza parole, ma cercherò comunque di condividere con voi le sensazioni che sto provando in questi giorni. Navigare in mezzo agli iceberg a bordo dell'Esperanza è un'esperienza incredibile, ma navigare a 56 gradi di latitudine in mezzo al ghiaccio a bordo di un gommone di 6/7 metri è molto più che incredibile, rasenta i limiti del reale. [ continua ]

Caterina Nitto - 20 gennaio 2006

Vi chiedo perdono per non essermi fatta viva per così tanto tempo, ma la stanchezza, sia fisica che mentale, ha iniziato a farsi sentire. Ho dovuto sfruttare ogni istante libero per dormire e rilassarmi. Ma oggi sono stata ricompensata di tutta la fatica e di tutte le energie spese in questi ultimi due mesi. [ continua ]

Caterina Nitto - 23 gennaio 2006

Ciao colleghi, qui è Caterina che vi scrive dall'Oceano Indiano Meridionale. Non credo di esserne del tutto capace, ma voglio comunque provare a condividere con voi la più incredibile esperienza della mia vita.

Sono pronta a scommettere che molti fra noi hanno deciso di diventare attivisti di Greenpeace dopo aver visto le entusiasmanti immagini della leggendaria campagna contro la caccia alle balene. Mitici attivisti fricchettoni a bordo di minuscoli gommoni che si imbattono contro agguerrite navi baleniere per difendere questi enormi e pacifici cetacei. Anche il più rude degli scettici ne rimarrebbe toccato. La campagna contro la caccia alle balene è solo una goccia nell'oceano di attività che GP porta avanti, ma ammetto spudoratamente di esserne sempre rimasta affascinata. [ continua ]

Categorie