Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

NO al nucleare. Azione di Greenpeace al WEC.

News - 11 novembre, 2007
Inizia oggi - per la prima volta in Italia - il ventesimo congresso del WEC, il Consiglio Mondiale dell'Energia. E Greenpeace entra in azione con i suoi attivisti, per dire NO al nucleare e ricordare che l'unica vera risposta possibile al tema dei cambiamenti climatici è nel binomio rinnovabili & efficienza energetica.

Gli attivisti di Greenpeace sono entrati in azione al congresso del WEC - a Roma - per dire NO al nucleare come soluzione al problema dei cambiamenti climatici.

Icona Youtube Video Libero

Lo scenario è quello della nuova Fiera di Roma. L'azione inizia nel tardo pomeriggio. Durante l'intervento del Premier italiano Romano Prodi, alcuni climber di Greenpeace srotolano un enorme striscione di 3 metri per 5 con un messaggio forte "Chiudiamo la follia nucleare. Rivoluzione energetica subito".

Tra gli sponsor di questo importante appuntamento internazionale ci sono società come Enel, Areva o EDF che vorrebbero vendere il nucleare come risposta ai cambiamenti climatici. Ma la realtà è ben diversa. I tempi di realizzazione degli impianti nucleari sono lunghissimi e non c'è tempo da perdere per salvare il clima: occorre, da subito, abbattere i livelli di emissione di CO2 in atmosfera.