Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Porte chiuse per il riso Ogm!

I grandi distributori e l'industria alimentare interrompono le importazioni, a rischio Ogm, dagli Usa!

News - 6 febbraio, 2007
Stop al riso targato Usa! Secondo l'ultimo rapporto di Greenpeace "L'industria del riso sull'orlo del collasso", 40 fra i maggiori esportatori, trasformatori e rivenditori di riso, Ebro Puleva in testa, vogliono restare Ogm free e rifiutano il riso statunitense a causa delle difficoltà e dei costi che l'accertamento dell'assenza di Ogm nelle partite comporta.

Riso modificato geneticamente.

Questa dura decisione è la conseguenza della grave contaminazione avvenuta lo scorso anno delle forniture mondiali di riso, con il Liberty Link 602, una varietà sperimentale e illegale di riso Ogm prodotto dalla Bayer, che non è stata ancora autorizzata per il consumo umano o la coltivazione in nessun paese. Dopo analisi condotte presso laboratori accreditati Greenpeace ha rivelato che questo riso Ogm della Bayer era in vendita nei supermercati europei. Lotti di alimenti contaminati sono stati rimossi dagli scaffali. Bandi generalizzati sono stati emanati verso il riso prodotto negli Usa.

Prodotti alimintari cinesi venduti in Francia, Germania e Gran Bretagna, contenenti una varietà non autorizzata di riso transgenico, modificato per essere resistente a un insetto grazie all'impiego della proteina Cry1Ac, che è un potenziale allergene per l'uomo.

Cosa fa la Bayer per rimediare a tutto ciò? Non si assume la responsabilità per l'enorme danno che ha arrecato ad aziende e consumatori. Anzi preme per ottenere l'autorizzazione del suo riso Ogm! Intanto un fiume di azioni legali collettive e individuali sono state intentate contro il colosso bio-tech. Analisi e ritiri dal mercato, ordini annullati, bandi alle importazioni,  sfiducia dei consumatori: ingenti i costi che agricoltori, trasformatori e commercianti sono costretti ad affrontare.

Le industrie biotech non sono in grado di controllare la diffusione degli organismi geneticamente modificati e una volta che gli Ogm entrano nella catena alimentare diventa difficile e costoso eliminarli.

Questa contaminazione ha provocato il più  brusco calo del prezzo del riso da anni. Gli esperti prevedono che le esportazioni di riso statunitense potranno ridursi anche del 16 per cento nel 2006/2007. I danni potrebbero essere addirittura più estesi di quelli causati dalla contaminazione da mais transgenico Starlink avvenuta nel 2000.

Bloccare le sperimentazioni e rifiutare in modo netto qualsiasi autorizzazione è l'unico modo per proteggere la più grande risorsa alimentare al mondo!

Categorie
Tag