Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Il Santuario del Mar Ligure all’IWC

News - 9 giugno, 2009
L’Ispra ha appena presentato alla Commissione Baleniera Internazionale (IWC) un rapporto sul Santuario dei cetacei del Mar Ligure. Dopo quello di Istanbul, è il secondo lavoro scientifico frutto dei dati raccolti a bordo della nostra "Arctic Sunrise" lo scorso agosto.

Balenottera nel Santuario dei cetacei del Mar Ligure

Durante l'estate 2008, infatti, l'Arctic Sunrise, storico rompighiaccio di Greenpeace, è partita da Olbia per percorrere una rotta definita da un team di scienziati che si è dedicato al censimento dei cetacei nella metà occidentale del Santuario. Il team era coordinato dall'ISPRA (ex ICRAM), con la partecipazione anche dell'Istituto Tethys e dell'Università di Siena.

Un primo lavoro scientifico sui risultati della ricerca è stato presentato lo scorso marzo presso l'Annual Conference of the European Cetacean Society a Istanbul. Il secondo - una versione più approfondita, che sarà a breve pubblicato - è stato appena presentato all'IWC. Dal monitoraggio risulta che il numero di cetacei nel Santuario è in declino.

I dati della "Operazione Cetacei", pubblicati nel 1992, indicavano la presenza di circa 900 balenottere comuni e tra 15 e 42.000 stenelle. Dai dati raccolti lo scorso agosto dall'Arctic, sembra che ci sia una riduzione di circa il 50 per cento delle stenelle (5-21.000 esemplari), mentre sono state avvistate solo un quarto delle balenottere "attese", troppo poco per poternr stimare la popolazione.

I due lavori scientifici evidenziano la preoccupante diminuzione degli esemplari in un'area marina protetta specificamente creata per proteggere i cetacei e sottolineano la necessità di un monitoraggio sistematico nell'area e di misure urgenti per proteggere il Santuario.

Greenpeace chiede di realizzare una rete di Riserve Marine in altura che tuteli il 40% del Mediterraneo e che comprenda anche il Santuario dei Cetacei

Categorie