Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Dalla Torre Eiffel per salvare il clima

Spettacolare azione di Greenpeace in occasione dell'IPCC

News - 30 gennaio, 2007
Si riuniscono a Parigi gli scienziati dell'IPCC e 44 attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri della Torre Effeil per stendere un enorme striscione con un messaggio sul cambiamento climatico: "Non è troppo tardi per salvare il clima!". LE FOTO

44 attivisti, 100 metri di funi e 500 metri quadrati di tessuto. Questi i numeri dell'azione di Greenpeace.

Il clima sta cambiando e la lotta al cambiamento climatico non è una prevenzione necessaria. L'IPCC è un panel internazionale di scienziati che tiene sotto osservazione il cambiamento climatico. Greenpeace invita i governi di tutto il mondo ad ascoltare le preoccupazioni della comunità scientifica e chiede azioni concrete a tutela del clima, perchè è ancora possibile evitare la catastrofe.

Proprio nei giorni scorsi Greenpeace ha diffuso, in tutto il mondo, il proprio rapporto "Energy [R]evolution". Il rapporto mostra che è possibile dimezzare le emissioni mondiali di gas serra entro il 2050, puntando su efficienza energetica e fonti rinnovabili. Con una ristrutturazione radicale del sistema energetico mondiale si può contenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2 gradi centigradi, scongiurando le conseguenze irreversibili del cambiamento climatico. Le rinnovabili sono  pronte a diventare la spina dorsale dell'economia mondiale non solo nei Paesi OCSE, ma anche in Paesi in via di sviluppo come Cina, India e Brasile.

Le rinnovabili e l'efficienza permetterebbero all'Italia di conseguire contemporaneamente tre obiettivi fondamentali: rilanciare l'economia, allentare la morsa della dipendenza energetica del Paese dall'estero e porre un freno alla minaccia del riscaldamento globale.

Occorrono obiettivi vincolanti per le rinnovabili da qui al 2020. E servono misure in materia di efficienza energetica. Con l'attuale modello energetico i grandi impianti centralizzati sprecano oltre i due terzi dell'energia prodotta. E il Pianeta non può permettersi questo lusso.

Categorie