Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Greenpeace a Napoli: "Differenziamoci"

Per una settimana Greenpeace ha fornito a un gruppo di cittadini di Napoli, quanto occorre per la raccolta differenziata domiciliare. Tutto è stato organizzato in pochi giorni per dimostrare che questa soluzione, oltre a essere concreta e sana, è economica e veloce. Testimonial del progetto Lello Arena.

Dettagli video



Rifiuti

Da anni ormai i rifiuti sono al centro di tematiche politico-ambientali a livello nazionale e internazionale. Non a caso i diversi programmi europei d'azione per l'ambiente hanno posto al centro dell'attenzione proprio il tema rifiuti.

I nostri scarti, infatti, se mal gestiti possono arrecare danno all’ambiente e all’uomo. Nel corso degli anni, l'Europa ha promosso e integrato una serie di normative di settore proprio per arrivare a una maggiore tutela.

Sul tema rifiuti la politica ambientale deve concentrarsi ancora per molto tempo. In Italia, questo settore stenta a trovare una soluzione definitiva per una scarsa volontà politica o per scelte interessate a perseguire strade relativamente più brevi e imprenditoriali (come quella dell'incenerimento ad esempio).

La loro continua produzione è il primo problema che dovrebbe essere affrontato concretamente in fase di programmazione. Dagli anni '90 ai primi anni del nuovo secolo, la produzione dei rifiuti è continuata a crescere parallelamente all'aumento della ricchezza e degli standard di vita sempre più elevati dei Paesi occidentali. Il 2008, secondo il Rapporto Rifiuti ISPRA pubblicato nel 2010, è stato il primo anno di arresto dell'aumento della produzione di rifiuti in Italia dal 1996. Arresto dovuto a diversi fattori, fra cui sicuramente la crisi economica che ha fatto registrare una riduzione dell’1% della spesa delle famiglie nel 2008.

Ma oggi, c'è una nuova minaccia che incombe sul mondo dei rifiuti. È il boom del consumo dei prodotti e gadget tecnologici. Il loro continuo ricambio sta, infatti, generando montagne di rifiuti elettronici ad alto contenuto tossico e difficili da riciclare.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Inchiesta “Le navi tossiche: lo snodo italiano, l’area mediterranea e l’Africa"

Pubblicazione | 18 giugno, 2010 a 2:00

L'inchiesta di Greenpeace "The toxic ships" – Le navi tossiche- fornisce elementi che possono contribuire a fare chiarezza sulle esportazioni di rifiuti dall'Italia (e dall'Europa) verso i Paesi in via di sviluppo e in particolare nell'area...

Osservatorio Per un Mediterraneo libero dai veleni - Carta fondante

Pubblicazione | 16 febbraio, 2010 a 1:00

Le nostre Associazioni e Organizzazioni ritengono di dover costituire l'Osservatorio "Per un Mediterraneo libero dai veleni" per mantenere viva l'attenzione e vigilare sulle attività volte ad accertare la verità sulla vicende delle "navi dei...

Eco-guida XIV - Gennaio 2010

Pubblicazione | 8 gennaio, 2010 a 13:32

Nella 14esima edizione della nostra "Eco-guida ai prodotti elettronici" Apple, Sony Ericsson e Nokia fanno progressi nell'eliminazione delle sostanze tossiche dai propri articoli. Segue HP che di recente ha immesso sul mercato prodotti...

Eco-guida XIII - Settembre 2009

Pubblicazione | 29 settembre, 2009 a 15:39

Nokia si riconferma prima in classifica, con 7,5 punti su 10 e Philips fa un salto dal settimo al quarto posto con 5,9 punti. Scalata alla classifica anche per Sony che passa dal dodicesimo all'ottavo posto. Nintendo ultima.

Eco-guida XII - Luglio 2009

Pubblicazione | 1 luglio, 2009 a 19:27

Nella dodicesima edizione dell'Eco-guida ai prodotti elettronici, Nokia resiste al primo posto con 7,4 punti su 10. Samsung e Sony Ericsson recuperano, piazzandosi in seconda e terza posizione. Clamoroso lo scivolone di Sony, che passa dal quinto...

Hi-Tox!

Pubblicazione | 17 aprile, 2009 a 2:00

L'inchiesta "Hi-Tox! Un'indagine sulla raccolta dei rifiuti elettronici" di Greenpeace denuncia le irregolarità riscontrate in questa fase di gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (o RAEE) in Italia.

Eco-guida X - Novembre 2008

Pubblicazione | 1 novembre, 2008 a 14:06

Nella X Eco-guida di Greenpeace ai prodotti elettronici la maggior parte delle aziende si è mostrata poco attenta sul fronte dei cambiamenti climatici. Tanto green marketing e poco impegno per contribuire a salvare il clima. Nokia resta prima in...

Eco-guida IX - Settembre 2008

Pubblicazione | 15 settembre, 2008 a 15:41

Nella IX versione dell’Eco-guida di Greenpeace ai prodotti elettronici cinque aziende leader del settore – Nokia, Samsung, Fujitsu Siemens Computers, Sony Ericsson, Sony - hanno fatto progressi significativi nel rendere piu’ verdi i loro prodotti.

Rifiuti elettronici

Pubblicazione | 5 agosto, 2008 a 2:00

Nel mondo sta crescendo a dismisura l’uso degli articoli elettronici, con la conseguente produzione di montagne di rifiuti pericolosi difficili da conferire o riciclare in sicurezza.

Ghana contamination

Pubblicazione | 5 agosto, 2008 a 2:00

Questo studio, il primo condotto da Greenpeace in Ghana, focalizza sui due principali siti in cui avvengono le operazioni di riciclo e smaltimento selvaggio dei rifiuti elettronici: il mercato di Abogbloshie nella capitale Accra ed un piccolo...

21 - 30 di 74 risultati.

Categorie