Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Greenfreeze: la tecnologia del freddo che salverà il clima

Pubblicazione | 28 giugno, 2012 a 12:00

Frigoriferi, condizionatori, sistemi di refrigerazione a impatto climatico zero. Per scongiurare un brusco innalzamento delle emissioni di gas effetto serra provenienti dal comparto della refrigerazione, rilanciamo la tecnologia Greenfreeze: un...

Rio +20: per una Green Economy equa e giusta

Pubblicazione | 18 giugno, 2012 a 12:11

Questo documento riassume in sei punti le attese di Greenpeace per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile. Durante l'incontro, che si terrà a Rio de Janeiro dal 20 al 22 giugno 2012, saremo presenti con un team di esperti...

L'incidente del Mersa 2 all'Isola d'Elba

Pubblicazione | 14 giugno, 2012 a 18:58

Uno scoglio sbriciolato e ribaltato, qualche chilo di rottami metallici e forse qualche ciuffo di posidonia strappata. Per essere il bilancio dell’incagliamento di un mercantile di 90 metri è fin troppo leggero.

Energy [R]evolution 2012 - Sintesi in italiano

Pubblicazione | 5 giugno, 2012 a 13:59

Il nuovo scenario Energy [R]evolution 2012 prospetta un percorso fattibile per ridurre sensibilmente le emissioni di CO2 create dal settore dei trasporti e per mettere fine allo sfruttamento di risorse petrolifere marginali e non convenzionali...

Sperimentazioni di OGM in ambiente: un affare rischioso (e costoso)

Pubblicazione | 31 maggio, 2012 a 13:38

Perché le contaminazioni causate da campi sperimentali sono rilevanti? Perché dovremmo essere preoccupati della presenza di colture OGM sperimentali nei nostri alimenti? Coltivazioni convenzionali e biologiche possono essere contaminate da campi...

Enel Today & Tomorrow

Pubblicazione | 18 maggio, 2012 a 11:00

Questo rapporto è il risultato della ricerca commissionata da Greenpeace all'istituto indipendente e non-profit SOMO. Lo studio ha come obiettivo misurare gli impatti ambientali, sanitari ed economici della produzione elettrica da carbone del...

Favole da incubo

Pubblicazione | 10 maggio, 2012 a 17:00

Sono ancora numerosi in Italia gli editori, le tipografie, i produttori di packaging e i rivenditori di carta che acquistano, più o meno consapevolmente, prodotti legati alla deforestazione in Indonesia. In particolare carta prodotta dai due...

Enel - Il carbone costa un morto al giorno

Pubblicazione | 29 aprile, 2012 a 11:55

Questo briefing è l'anticipazione di un rapporto dell'istituto di ricerca indipendente e non-profit SOMO, che sarà pubblicato nella prima metà di maggio.

Nuvola digitale. Quanto è pulita?

Pubblicazione | 17 aprile, 2012 a 14:50

Quanto è pulita la tua nuvola digitale? da Yahoo! a Salesforce, passando per Apple, Facebook e Microsoft Greenpeace mette a confronto le scelte energetiche di 14 aziende IT nel rapporto "How Clean is your Cloud?".

Enel - I veri costi del carbone

Pubblicazione | 29 marzo, 2012 a 13:38

Usare il carbone per produrre energia elettrica: come socializzare le perdite (ambientali e sanitarie) e privatizzare i profitti.

101 - 110 di 412 risultati.