Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Sentenza ingiusta per i due attivisti in Giappone

Condanna assolutamente sproporzionata e ingiusta di un anno di reclusione con sospensione della pena per tre anni, imposto dalla Corte di Aomori ai due attivisti giapponesi, Junichi Sato e Toru Suzuki, che avevano denunciato la corruzione all’interno del programma giapponese di caccia alle balene. In tutto il mondo, anche a Roma, gli attivisti hanno protestato contro questo verdetto, che rappresenta un freno per la democrazia e per i diritti civili.

Categorie