Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Greenpeace a Bolton: Rio Mare deve prendere un vero impegno per la sostenibilità

Comunicato stampa - 17 marzo, 2012
«L’impegno per la sostenibilità di Bolton Alimentari sarà un vero atto di responsabilità nei confronti dell’ambiente solo quando deciderà di eliminare completamente dalla propria produzione metodi di pesca distruttivi». – così Giorgia Monti, responsabile campagna Mare di Greenpeace Italia, risponde alla replica dell’azienda leader del tonno in Italia in merito alla terza edizione della classifica “Rompiscatole” recentemente pubblicata da Greenpeace.

Bolton si impegna per il marchio Rio Mare a utilizzare entro il 2013 per il 45 per cento della produzione solo tonno pescato con canna (pole & line) e con reti a circuizione senza l’uso di FAD (sistemi di aggregazione per pesci) – metodi che la stessa azienda riconosce essere i più sostenibili – ma quando afferma di estendere l’obiettivo al 100 per cento della produzione entro il 2017, si dimentica di dire che, per il restante 55 per cento, non adotterà gli sessi standard di pesca.

«Se vuole essere davvero sostenibile al 100 per cento Rio Mare deve impegnarsi subito a utilizzare in tutta la sua produzione solo tonno pescato nel modo più sostenibile, come già fatto per metà delle sue scatolette, ed eliminare completamente l’utilizzo di FAD, che causano ogni anno la morte di animali in pericolo e migliaia di esemplari giovani di tonno, aggravando la crisi degli stock. Altre aziende in Italia si sono impegnate a farlo, cosa aspetta Rio Mare?» - continua Monti.

Nella terza edizione della classifica “Rompiscatole”, Greenpeace riconosce i passi avanti fatti di Rio Mare, ma dal leader indiscusso del mercato italiano ci si aspetta di più. Per essere davvero credibile non basta intensificare l’uso di metodi di pesca sostenibili, bisogna impegnarsi a utilizzare solo quelli nel 100 per cento della propria produzione. La strada per arrivare al 2017 è lunga e i consumatori italiani vogliono essere certi che Rio Mare stia andando nella giusta direzione.

La classifica “Rompiscatole” è disponibile su: www.tonnointrappola.it   

Categorie