Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Greenpeace a Trapani: anche il Sindaco Damiano aderisce all'appello per salvare il Canale di Sicilia

Comunicato stampa - 16 luglio, 2012
Greenpeace arriva a Trapani per la seconda tappa del tour "U MARI NUN SI SPIRTUSA". Nello scenario del porto e del Castello medievale della Colombaia, gli attivisti hanno aperto uno striscione con il messaggio "Il mare di Sicilia non si tocca". Sullo sfondo la barca a vela dell'organizzazione che sta visitando i principali porti della Sicilia meridionale. Il sindaco di Trapani Vito Damiano oggi aderisce all'Appello per la salvaguardia del Canale di Sicilia dalle trivellazioni off-shore.

Il tour, partito dalla spiaggia di Mondello con la simulazione dello sversamento in mare di greggio messa in atto dagli attivisti "sporchi di petrolio", vuole informare e attivare la popolazione siciliana sui rischi delle perforazioni petrolifere che minacciano il Canale di Sicilia. Le richieste di concessione infatti, come dimostrato nel rapporto "Meglio l'oro blu dell'oro nero" [1], sono in aumento e la loro autorizzazione rischia di compromettere tutta l'area del Canale, con gravi danni alla straordinaria biodiversità che rappresenta anche un'importante risorsa per le comunità e le economie locali.

Greenpeace chiede ai sindaci siciliani di firmare un Appello [2] per fare pressione sul ministero dell'Ambiente e fermare la "corsa all'oro nero". "In soli tre giorni di tour abbiamo ottenuto l'adesione di 18 comuni e dell'Assessore Regionale al Territorio e all'Ambiente [3]. Proprio oggi che siamo qui a Trapani il sindaco Vito Damiano ha voluto sottoscrivere il nostro Appello sollecitato dalle centinaia di email ricevute da tutti quei siciliani che, come noi, pensano che "U mari nun si spirtusa"" - dichiara Chiara Campione, campaigner di Greenpeace.

Dopo la tappa palermitana che ha visto gli attivisti in azione alla Festa di Santa Rosalia, Greenpeace prosegue il tour per incontrare i cittadini siciliani: questa sera i volontari dell'organizzazione allestiranno un gazebo informativo in via Veneto dove sarà possibile chiedere al propri sindaci di firmare l'Appello per la salvaguardia del Canale, mentre la barca a vela sarà ormeggiata al Porto della città.

È possibile firmare all'Appello e seguire on line tutte le tappe del tour sul sito: www.notrivelletour.org

Note:
[1] Il rapporto "Meglio l'oro blu dell'oro nero" è disponibile su: http://www.greenpeace.org/italy/Global/italy/report/2012/mare/meglio-l-oro-blu-dell-oro-nero.pdf
[2] Link all'appello su: http://www.greenpeace.org/italy/Global/italy/file/2012/mare/appello-sicilia.pdf
[3] Elenco dei comuni firmatari: Palermo, San Vito Lo Capo, Erice, Favignana, Pantelleria, Campobello di Mazara, Castelvetrano, Sciacca, Siculiana, Realmonte, Gela, Vittoria, Ragusa, Pozzallo, Noto, Caltanissetta, Enna, Trapani, Pachino. Hanno aderito anche: Alessandro Aricò, Assessore Regionale del Territorio e dell'Ambiente; Angelo Pizzuto, Commissario straordinario del Parco delle Madonie; On. Vincenzo Marinello Parlamentare dell'Assemblea Regionale Siciliana; AGCI-AGRITAL Sicilia; LegaCoop Pesca Sicilia; Comitato Stoppa la Piattaforma; Associazione Apnea Pantelleria Onlus.

Categorie