Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Monitoraggio Concordia: abbiamo analizzato la scia in mare: "No news, good news"

Comunicato stampa - 23 luglio, 2014
Un team di Greenpeace è appena rientrato dall’osservazione da elicottero del relitto della Costa Concordia, in trasferimento dall’Isola del Giglio a Genova. Lo scopo di questa missione è di analizzare – grazie a una speciale termocamera – la scia della nave, in modo da evidenziare eventuali sversamenti in mare.

La buona notizia è che questo primo passaggio non ha evidenziato niente di preoccupante. “Le analisi delle circa cinque miglia di scia osservabili a quest'ora” commenta Giuseppe Onufrio, Direttore esecutivo di Greenpeace Italia, “risultano sostanzialmente pulite, come speravamo. Dunque, come si dice, ‘No news, good news’”.

L’elicottero di Greenpeace è decollato verso le 18 dalla terraferma, si è diretto verso l'Isola del Giglio – mantenendo le tre miglia di “no fly zone” istituita sull'isola dall'ENAC e le tre miglia di interdizione sulla nave da parte della Protezione Civile – ed è rientrato dopo circa un'ora alla base. Le immagini mostrano l’analisi termica di una porzione di mare adiacente l’Isola del Giglio, e in particolare della scia della Costa Concordia. L’osservazione è stata effettuata con una termocamera Avio TVS-700, calibrata con operatore certificato di secondo livello.

“Nel corso del nostro monitoraggio”, aggiunge Onufrio, “abbiamo registrato dai 15 ai 20 nodi di vento contrario, cosa che implica un rallentamento del convoglio della Costa Concordia, che deve vincere la forza del vento". Domani, Greenpeace effettuerà un altro volo – i cui risultati saranno nuovamente resi pubblici – prevedibilmente nei dintorni dell'isola d'Elba.

L’osservazione tramite elicottero si aggiunge a un’altra iniziativa di monitoraggio via mare, con l’imbarcazione “Maria Teresa che sta seguendo e seguirà fino a Genova – alla distanza di sicurezza stabilita dalla Guardia Costiera – il trasferimento della Costa Concordia. Questa seconda operazione, dal nome “Costa ti tengo d’occhio”, vede unite la stessa Greenpeace e Legambiente. È possibile seguire gli spostamenti del convoglio e gli aggiornamenti via twitter con l’hashtag #SorvegliataSpeciale oppure al seguente indirizzo: http://www.greenpeace.org/italy/TrasferimentoConcordia/.