Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Nuovo iPhone Apple pericoloso, a rischio organi riproduzione

Comunicato stampa - 15 ottobre, 2007
L’iPhone, il nuovo telefonino cellulare che sta per essere lanciato anche in Europa dalla Apple, contiene composti chimici e materiali nocivi, secondo un rapporto pubblicato oggi da Greenpeace. Trovate anche sostanze ritenute tossiche per la riproduzione.

Un dei telefoni i-phone analizzati da Greenpeace.

Un laboratorio scientifico indipendente ha esaminato 18 componenti interne ed esterne dall'iPhone, confermando la presenza di composti a base di bromo in metà dei campioni, incluso l'antenna del telefono dove la loro concentrazione arrivava fino al 10% in peso. Sono stati inoltre trovati un insieme di ftalati, additivi tossici usati per ammorbidire il PVC, fino ad un valore di oltre 1,5% in peso dei rivestimenti plastici dei fili dell'auricolare.

Questi risultati, pubblicati nel rapporto di Greenpeace "Chiamata Persa: composti pericolosi nell'iPhone", seguono altri due test che l'associazione ha condotto sui prodotti della Apple a partire dal 2006. Queste analisi, effettuate su un MacBook Pro e su un iPod Nano, rivelarono la presenza di ritardanti di fiamma bromurati e PVC in alcune componenti.

Si tratta del primo monitoraggio di un prodotto Apple dopo l'impegno preso a maggio 2007 da Steve Jobs, il direttore dell'azienda, a favore di una Apple " più verde".

La scoperta di composti chimici nocivi nell'iPhone, lanciato sul mercato statunitense lo scorso giugno, suggerisce che l'azienda non abbia compiuto alcun progresso iniziale verso l'impegno di eliminare tutti i composti a base di bromo ed il PVC entro la fine del 2008, neanche nelle nuove linee di prodotti. Sembra che la Apple sia lontana dal poter guidare il settore verso una industria elettronica verde al pari dei suoi concorrenti come Nokia, per esempio, che già vende cellulari senza PVC.

Il coordinatore del progetto dr. David Santillo, ricercatore presso i laboratori di analisi di Greenpeace afferma "due degli ftalati trovati ad alti livelli nel cavo dell'auricolare sono classificati come "tossici per la riproduzione" a causa della loro riconosciuta capacità di interferire con lo sviluppo sessuale dei mammiferi (in particolare del genere maschile). Anche se non sono vietati nei cellulari, questi ftalati sono banditi in tutti i giocattoli e articoli per l'infanzia venduti in Europa. La Apple dovrebbe eliminare l'uso di queste sostanze chimiche dalla sua catena produttiva."

Nel corso delle analisi, Greenpeace ha anche trovato che la batteria dell'iPhone era, insolitamente, saldata al telefono stesso. Una modalità che, a parte ostacolare la sostituzione della batteria, determina una maggiore difficoltà nel separare la batteria per avviarla al riciclo o per smaltirla in modo appropriato, aggiungendo un ulteriore carico inquinante ai rifiuti elettronici.

"L'Apple deve re-inventare il suo iPhone per renderlo davvero verde -denuncia Vittoria Polidori, responsabile campagna inquinamento di Greenpeace- Se il modello di iPhone che verrà messo in commercio in Europa il prossimo novembre possa contenere composti a base di bromo e PVC rimane una questione a cui solo Steve Jobs dovrà rispondere".

Notes: Il http://it.youtube.com/watch?v=joBxa9QXTYY ">video sull’iPhone diffuso da Greenpeace

Categorie