Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Greenpeace: scampato disastro nelle Bocche di Bonifacio. A quando provvedimenti seri?

Comunicato stampa - 22 febbraio, 2010
“La scampata collisione di una nave cargo nei pressi del Parco nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena dimostra ancora una volta che il rischio di un imminente disastro ambientale pende sulle Bocche di Bonifacio – commenta Giorgia Monti, responsabile della campagna Mare di Greenpeace - Sono mesi che, insieme alle comunità locali, chiediamo al ministro Prestigiacomo di prendere misure per la protezione di quest’area. Nulla è ancora stato fatto.”

Nelle Bocche di Bonifacio transitano ogni anno più di tremila imbarcazioni cargo, di cui il dieci per cento trasporta sostanze pericolose. A settembre una delegazione di sindaci della Sardegna settentrionale si era presentata con Greenpeace al ministero dell'Ambiente per consegnare alla Prestigiacomo un appello che chiedeva serie e urgenti misure di protezione.

Nonostante la Direzione Generale si fosse impegnata a occuparsi della questione, la proposta per l'inserimento dello stretto nell'elenco delle Aree Marine Particolarmente Sensibili (PSSA) è ancora in alto mare. Le Bocche, inoltre, dovrebbero godere di speciali misure di gestione essendo all'interno del Santuario dei Cetacei "Pelagos". Purtroppo da anni Greenpeace denuncia lo stato di degrado del Santuario. E' arrivato il momento di adottare un adeguato piano di gestione del Santuario, che si occupi in modo prioritario delle aree più delicate, come le Bocche di Bonifacio.

Notes: Briefing Bocche di Bonifacio: http://www.greenpeace.org/italy/ufficiostampa/rapporti/bocche-bonifacio L’Appello firmato sulla Rainbow Warrior: http://www.greenpeace.org/raw/content/italy/ufficiostampa/file/sindaci-appello-bonifacio

Categorie