Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Greenpeace arruola gli eroi dei videogames contro gli agenti tossici

Comunicato stampa - 18 dicembre, 2007
Greenpeace si rivolge ai fan delle consolle più famose, PlayStation, Xbox e Wii per spingere gli amanti dei game a chiedere ai giganti dell’elettronica Sony, Microsoft e Nintendo di eliminare le sostanze pericolose dai loro prodotti. Lancia quindi un videogioco in cui Master Chief, Mario e Kratos diventano cyberattivisti di Greenpeace.

Greenpeace lancia sul web il video "Clash of the Consoles: Battle for the Future". Un video di 90 secondi con i tre eroi, "Master Chief" di Microsoft, "Mario" di Nintendo e "Kratos" di Sony, che competono per il prezzo di una consolle più verde.

Il settore delle consolle è cresciuto del 15 per cento nel 2006, registrando una vendita di ben 62,7 milioni di unità con un fatturato annuo di 21 miliardi di euro. Anche se questi prodotti includono componenti comuni ai PC, ma con livelli più bassi di inquinanti, i produttori non hanno raggiunto alcun progresso volto alla riduzione del carico tossico dei loro prodotti.

"I fabbricanti di consolle sono rimasti indietro rispetto ai produttori di cellulari e computer che hanno ridotto il contenuto tossico dei propri prodotti" spiega Vittoria Polidori, responsabile della campagna inquinamento di Greenpeace. "Le consolle per video giochi contengono quasi le stesse componenti dei PC e così i produttori potrebbero fare molto di più".

Nella sua prima incursione nel mondo dei videogiochi, alcuni giorni fa Greenpeace ha lanciato sul web il video : 'Clash of the Consoles: Battle for the Future', indirizzato agli amanti dei video giochi. Un video di 90 secondi con i tre eroi, 'Master Chief' di Microsoft, 'Mario' di Nintendo e 'Kratos' di Sony, che competono per il prezzo di una consolle più verde. Il video termina con il messaggio combinato con gli slogan dei tre produttori: "Balza dentro …. Informa la tua azienda di voler vivere e giocare in un mondo privo di sostanze tossiche". Nel sito i fan possono comparare le rispettive consolle in merito al contenuto tossico, riciclaggio ed efficienza energetica, oltre che sostenere quella preferita per spingerla a diventare verde.

Questa iniziativa è parte della campagna di Greenpeace volta a spingere l'intero settore dell'elettronica ad andare oltre l'attuale legislazione ed eliminare le sostanze pericolose contenute nei propri prodotti. In testa alla lista di Greenpeace ci sono i ritardanti di fiamma bromurati e la plastica in PVC, il cui impiego negli articoli di consumo può portare ad un loro accumulo nell'ambiente e nei tessuti animali. I lavoratori impiegati negli impianti di produzione, o in quelli di riciclo, potrebbero essere i soggetti più a rischio. A questi si aggiungono anche quelle fasce più vulnerabili, soprattutto in paesi quali Cina e India, dove i bambini sono impiegati presso i cantieri di demolizione per smantellare a mani nude prodotti elettronici usati nei paesi ricchi.

"Di certo i fan delle consolle non vorranno che persone della loro stessa età ma di altri paesi possano soffrire per il loro intrattenimenti" sostiene Vittoria Polidori.

Nintendo, Sony e Microsoft dominano il mercato rispettivamente con quote di mercato del 42, 40 e 18 per cento. "Queste aziende stanno minando la loro stessa reputazione tra i consumatori" conclude Polidori.

Categorie