Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Riso cinese ogm scoperto in Europa. Greenpeace chiede subito ritiro e stop all'importazione

Comunicato stampa - 5 settembre, 2006
La scoperta di riso Ogm illegale in prodotti cinesi venduti in Francia, Germania e Gran Bretagna evidenzia un grave problema di contaminazione in tutta Europa. Lo denuncia Greenpeace, che sottolinea il rischio sanitario e chiede ai governi europei, Italia in testa, di prendere misure immediate per proteggere i consumatori, bloccando questo riso OGM e prevenendo futuri ingressi di riso contaminato in Europa.

Uno dei prodotti cinesi venduti in Francia, Germania e Gran Bretagna, contenenti una varietà non autorizzata di riso transgenico, modificato per essere resistente a un insetto attraverso la tossina Cry1Ac, che è un potenziale allergene per l'uomo.

Greenpeace e Friends of the Earth in Gran Bretagna, hanno testato prodotti confezionati contenenti riso come vermicelli, bastoncini ed altri prodotti. In cinque casi è stato trovato riso transgenico illegale, mai approvato da nessuna autorità al mondo. Probabilmente si tratta solo della punta dell'iceberg, potrebbero essere contaminati prodotti di ogni genere contenenti riso, dagli alimenti per bambini allo yogurt. "Sono risultati allarmanti: i consumatori non possono essere trattati come cavie. Abbiamo scritto ai ministri competenti perché in Italia ed in Europa vengano adottate immediatamente tutte le misure necessarie per bloccare questa contaminazione - controlli, ritiri immediati e un sistema di monitoraggio per i Paesi ad alto rischio di contaminazione" afferma Federica Ferrario, responsabile campagna Ogm di Greenpeace.

Il riso Ogm illegale è stato modificato per essere resistente agli insetti e contiene una proteina, Cry1Ac, che ha già prodotto reazioni allergiche nei topi. Alcuni scienziati indipendenti hanno già rilasciato una dichiarazione confermando le preoccupazioni di Greenpeace sui rischi per la salute. Questa recente contaminazione del riso in Cina ha avuto inizio con i campi sperimentali, il riso in questione non è stato ancora approvato per la coltivazione commerciale proprio in ragione delle crescenti preoccupazioni sulla sua sicurezza. Eppure un'indagine di Greenpeace nel 2005 ha mostrato che istituti di ricerca e aziende sementiere in Cina hanno venduto illegalmente semi di riso Ogm illegali agli agricoltori.

"Solo due settimane fa abbiamo registrato il caso del riso Ogm illegale della Bayer che ha contaminato il riso tradizionale negli Stati Uniti. Già due navi sono state bloccate dalle autorità europee e il Giappone ha imposto analisi e certificazioni per le importazioni di riso statunitense. Ci aspettiamo che la contaminazione sia più vasta, nonostante il riso non abbia mai superato la fase di sperimentazione. Una volta che gli Ogm entrano nella catena alimentare, diventa difficile e costoso eliminarli. Ancora una volta dobbiamo ricordare che è meglio prevenire la contaminazione a monte" conclude Ferrario

L'EFSA sta attualmente valutando la richiesta della Bayer per l'importazione in Europa di un altro riso OGM, il LLRICE62. La Bayer non ha però fornito nessuna garanzia e nessun piano per evitare la contaminazione dell'ambiente con questo OGM, mentre permangano anche seri dubbi sulla sicurezza di questo riso per il consumo umano. L'Italia è il maggior produttore europeo di riso, ovvero quello che rischia maggiormente in caso di contaminazione. In assenza di dati certi, l'EFSA deve dare parere negativo per questo OGM a tutela di consumatori e ambiente.

Notes: Foto disponibili in alta risoluzione. Richiedere a

Categorie
Tag