Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

La Grecia stabilisce un nuovo bando agli OGM

Comunicato stampa - 30 gennaio, 2006
Greenpeace plaude al governo greco che ha deciso un nuovo bando agli Ogm dopo che la Commissione Europea aveva ordinato allo Stato di togliere il divieto in vigore. Il nuovo bando si applica alle stesse varietà di mais Monsanto MON810 bandite originariamente, alle quali si aggiungono 14 nuove varietà che la Commissione aveva inserito nel catalogo sementiero europeo, il 30 dicembre, senza informare l'opinione pubblica.

25 attivisti di Greenpeace con le bandiere dei 25 Stati della nuova Europa hanno presidiato l’hotel del summit con il messaggio "Ascoltate i consumatori: No agli Ogm nel nostro cibo, nei mangimi e nei campi".

"La Commissione dovrebbe seguire l'esempio greco di democrazia e smettere di fare il gioco sporco degli Stati Uniti e dell'industria biotech" afferma Federica Ferrario, responsabile Ogm di Greenpeace. "L'Italia deve utilizzare al più presto le clasuole di salvaguardia nazionali che consentono di stabilire anche nel nostro Paese bandi per tutelare i consumatori e l'ambiente dai problemi legati agli Ogm"

Sono ora in vigore 12 bandi nazionali in sette stati membri contro gli Ogm autorizzati a livello europeo, prevalentemente verso varietà di mais e colza. Per Greenpeace i rischi del mais MON810 non sono mai stati adeguatamente valutati e la Commissione ha peccato più volte di trasparenza in materia di Ogm, vista la forte contrarietà dell'opinione pubblica a questi prodotti.

Categorie
Tag