Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Blitz di Greenpeace al WEC: dal soffitto uno striscione contro il nucleare

Comunicato stampa - 11 novembre, 2007
All'apertura del Word Energy Conference, durante l'intervento del Premier italiano Romano Prodi, due climbers di Greenpeace si sono calati dal soffitto della sala e stanno srotolando sulle teste dei relatori uno striscione (mt 3X5) con scritto "Quit nuclear madness. Energy [R]evolution now" ovvero "Chiudiamo la follia nucleare. Rivoluzione Energetica subito". Sono intervenute le forze dell'ordine.

Gli attivisti di Greenpeace sono entrati in azione oggi per ricordare che il nucleare è una falsa soluzione al problema dei cambiamenti climatici. I lunghi tempi di realizzazione delle centrali non permetteranno, infatti, di abbattere le emissioni mondiali di gas serra in tempo, l'Uranio è una risorsa molto limitata e i soldi spesi nel nucleare saranno sottratti allo sviluppo delle vere soluzioni: fonti rinnovabili ed efficienza energetica. Non esiste infine una tecnologia intrinsecamente sicura che non possa essere usata per produrre le bombe.

"Abbiamo solo pochi anni a disposizione per fermare la crescita delle emissioni mondiali di gas serra. Società come Areva, EDF o ENEL che sponsorizzano questo congresso vorrebbero farci credere che il nucleare è parte della soluzione, ma non è affatto così: il nucleare rappresenta una pericolosa distrazione e una minaccia per la sicurezza mondiale" spiega Jan Beranek, responsabile della Campagna Nucleare di Greenpeace International. "Raddoppiare il numero di reattori nucleari nel mondo, implicherebbe investimenti per migliaia di miliardi di euro senza alcuna riduzione significativa delle emissioni di gas serra. Tali risorse dovrebbero invece essere destinate a fonti rinnovabili ed efficienza: è tempo di una vera Rivoluzione Energetica pulita".

"In Italia il Governo ha ufficialmente deciso di mantenere investimenti solamente nella ricerca nucleare, ma non è così. - afferma Francesco Tedesco, responsabile Campagna Energia e Clima di Greenpeace- Enel, controllata al 30 per cento dal Governo, intende completare fatiscenti reattori nucleari sovietici in Slovacchia e Bulgaria, esportando all'estero lo stesso rischio nucleare a cui gli italiani hanno detto NO vent'anni fa. Il Governo non sta facendo nulla per impedire che Enel investa oltre 4 miliardi di euro nel nucleare sovietico, invece di indirizzare tali risorse per lo sviluppo massiccio delle rinnovabili in Italia".

Il rapporto di Greenpeace "Energy [R]evolution", è stato il primo a fornire una strategia globale e dettagliata su come rivoluzionare il sistema energetico mondiale per dimezzare le emissioni globali di gas serra al 2050. Da sola l'efficienza energetica permetterà di abbattere i consumi mondiali di energia primaria del 47 per cento al 2050. Le rinnovabili sono in grado di soddisfare circa la metà del rimanente fabbisogno energetico.

In Italia la prima fonte "rinnovabile" è l'efficienza energetica: con essa negli usi finali economicamente convenienti si potrebbero abbattere i consumi del 20 per cento al 2020, risparmiando circa 100 TWh (miliardi di chilowattora) pari alla produzione di 15 centrali da 1000 MW all'anno. Il Governo sta facendo ancora poco per l'efficienza, non si capisce cosa stia aspettando ad annunciare i nuovi obiettivi dei certificati bianchi oltre il 2009.

Notes: Documenti collegati http://www.greenpeace.org/italy/ufficiostampa/rapporti/nucleare