Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

In Italia carta e legno illegale dalla Russia, il governo indaga sulle denunce di Greenpeace

Comunicato stampa - 14 marzo, 2007
Un'indagine immediata sulle massicce violazioni della legge forestale nella repubblica russa della Carelia. L'ha disposta il direttore dell'Agenzia forestale russa Valery Roschupkin, in seguito alle denunce di Greenpeace, che l'anno scorso aveva divulgato il rapporto "Complici nel crimine: Un'indagine di Greenpeace sul traffico di legno illegale con la Russia", provando l'ampia diffusione del taglio illegale nella repubblica russa della Carelia.

Il taglio illegale del legno e le attività industriali di estrazione minacciano l'integrità della Foresta delle Nevi nella Russia orientale.

Greenpeace ha dimostrato poi l'acquisto massiccio di legname della Carelia da parte dei giganti scandinavi della carta, tra cui Upm e Stora Enso, fornitori importanti anche per le case editrici italiane. La Finlandia è il principale importatore di legno russo, ed esporta circa il 90 per cento della propria produzione di carta, principalmente verso i paesi dell'Unione Europea.  

La commissione, che inizierà i suoi lavori all'inizio di aprile, sarà presieduta dallo stesso vicedirettore dell'Agenzia forestale, Mikhail Giryaev, e vedrà la partecipazione di polizia e guardia di finanza. "Il taglio illegale sta provocando devastanti danni ambientali, economici e sociali. Il governo russo si è finalmente impegnato a indagare sull'illegalità dell'industria forestale in Carelia e sulle esportazioni del legname verso la Finlandia. Questo dimostra la gravità delle nostre accuse. È ora tempo che l'Europa si assuma tutte le proprie responsabilità" commenta Sergio Baffoni, di Greenpeace.

Greenpeace si è unita ad altre 180 associazioni e 80 imprese per richiedere misure concrete per vietare l'ingresso in Italia di legname di origine illegale o sconosciuta, e per assicurare che i prodotti a base di legno importati provengano da una gestione responsabile delle foreste.

Notes: Leggi il rapporto "Complici nel crimine: Un'indagine di Greenpeace sul traffico di legno illegale con la Russia", disponibile in inglese: www.greenpeace.org/forests/illegal-logging-finn-russia Leggi la dichiarazione delle imprese in favore di misure contro l'importazione di legno illegale: www.greenpeace.org/forests/finn-russia-industry

Categorie