Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Ecco la lista nera delle navi da pesca, subito leggi vincolanti

Comunicato stampa - 7 marzo, 2007
Stanno saccheggiando i fondali oceanici. Sono le navi pirata che nessun governo al mondo ha intenzione di fermare. Greenpeace lancia oggi la prima "lista nera" mondiale che scheda le navi da pesca illegali. E' un’industria fiorente, con un giro d'affari di 9 miliardi di dollari e un effetto devastante sulle riserve ittiche e sulla biodiversità di alcune delle aree ecologicamente più importanti degli oceani.

La tartaruga marina liberata dalla rete ferrettara nella quale era rimasta intrappolata.

La lista è stata lanciata oggi a Roma durante l'incontro della Commissione mondiale sulla pesca della Fao. "Il fatto che Greenpeace debba pubblicare una lista nera mondiale delle navi che praticano pesca illegale dimostra chiaramente che i governi non fanno nulla per fermare il saccheggio dei nostri oceani" afferma Alessandro Giannì, responsabile della campagna Mare di Greenpeace. "Quello che serve ora è un organismo che renda accessibili le informazioni sulle navi da pesca illegali". Sei anni dopo l'approvazione da parte dei paesi membri della Fao di un Piano di azione internazionale per contrastare la pesca illegale, il problema è ben lontano dall'essere risolto.

Oggi Greenpeace ha presentato anche un rapporto che mostra come le misure volontarie adottate dai governi per limitare la pesca pirata abbiano avuto un impatto limitato sulla pesca illegale in alcune delle aree più povere e disperate del mondo, in particolare la costa occidentale dell'Africa. L'anno scorso la nave di Greenpeace "Esperanza" passò due mesi a documentare le attività delle flotte straniere di fronte alle coste della Guinea Conakry, scoprendo che quasi la metà delle 92 navi da pesca incontrate stava pescando illegalmente o era legata a attività di pesca illegale. Si stima che l'Africa subsahariana perda, per questo motivo, circa un miliardo di dollari all'anno.

"Le misure necessarie per contrastare la pesca pirata sono ben note. C'è bisogno di agire a tutti i livelli della filiera, dalla rete in acqua agli scaffali dei supermercati" conclude Giannì. "Cooperazione internazionale, leggi vincolanti sul controllo nei porti, così come un registro mondiale delle navi da pesca e adeguate sanzioni, sono tra gli strumenti che i governi devono mettere in campo subito."

Categorie