Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Elezioni in Puglia. Greenpeace interroga i candidati su nucleare e carbone

Comunicato stampa - 3 giugno, 2009
Il candidato presidente alla Provincia di Brindisi, Michele Saccomanno, nei suoi video elettorali ha utilizzato immagini di Greenpeace per supportare la propria contrarietà all’utilizzo del carbone nella centrale Enel di Cerano. Greenpeace ritiene importante che la campagna elettorale affronti questi temi, ma intende ribadire la sua assoluta indipendenza politica. “Teniamo a chiarire che la nostra organizzazione non sostiene nessun partito o coalizione” precisa Francesco Tedesco, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace.

Nel 2007, attivisti di Greenpeace avevano protestato all'interno dell'impianto occupando i carbonili e srotolando un enorme striscione sulla facciata dell'edificio principale con scritto "Primo Killer del Clima in Italia", per denunciare che la centrale di Cerano è il primo impianto in Italia per l'emissione di gas responsabili del cambiamento climatico, oltre 14 milioni di tonnellate all'anno (1). In seguito alla protesta gli attivisti di Greenpeace erano stati "banditi" dal comune di Brindisi, come soggetti socialmente pericolosi.

"Greenpeace è aperta al dialogo con tutti, e riteniamo sia positivo che la campagna elettorale si giochi anche su temi importanti come l'ambiente" continua Tedesco. "Al riguardo vorremmo chiedere al candidato Saccomanno di rendere pubblica la sua soluzione per ridurre le emissioni inquinanti della centrale a carbone di Cerano, e se è favorevole all'ipotesi di una centrale nucleare nella provincia di Brindisi".

Ai candidati Massimo Ferrarese e Nicola Massari che hanno già preso una chiara posizione contro l'ipotesi di una centrale nucleare, Greenpeace desidera chiedere se appoggeranno la richiesta della Regione Puglia per interventi che aumentino l'efficienza della centrale di Cerano per ridurre le emissioni inquinanti e non per aumentare la produzione, mantenendo l'inquinamento ai livelli attuali.

Al candidato Francesco Fistetti, dichiaratosi sia contro il nucleare che contro ulteriori espansioni del carbone, Greenpeace chiede quale sarebbe la prima azione da mettere in pratica in materia di energia, mentre al candidato Antonio Carito chiede di prendere una posizione su nucleare e carbone, perché dal materiale visionato sul suo sito non è chiaro cosa pensa.

Notes: Classifica dei 20 impianti più inquinanti in Italia: http://www.greenpeace.org/raw/content/italy/ufficiostampa/rapporti/tabella-20-impianti.pdf

Categorie
Tag