Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Come si finanzia una crisi climatica con l’olio di palma

Comunicato stampa - 22 maggio, 2008
Unilever, Nestlé, Procter & Gamble e Kraft sono tra le grandi multinazionali che condividono la cosiddetta “carbon liability” ovvero la responsabilità ambientale ed economica legata all'immissione di gas serra (GHG) in atmosfera a causa dell’espansione industriale della palma da olio in Indonesia. A differenze delle altre, lo scorso aprile Unilever ha riconosciuto formalmente i problemi globali legati all’espansione della palma da olio e la necessità di riformare drasticamente il settore, appoggiando una moratoria per fermare la deforestazione.

Attivisti di Greenpeace, travestiti da oranghi, protestano davanti alla sede Unilever di Roma per denunciare la deforestazione del Borneo causata dall'olio di palma.

Tuttavia i principali fornitori di Unilever stanno tuttora determinando la distruzione di ampie aree di foreste pluviali e persino degradando torbiere molto profonde, considerate aree protette in Indonesia. La legge indonesiana, infatti, stabilisce  che i terreni da destinare alla coltivazione di palma da olio non possono estendersi su aree di torbiere più profonde di due metri. Greenpeace stima che la profondità media delle torbiere delle recenti aree convertite a palma da olio superi i 3 metri.

È drastico l'effetto sul clima per gli  enormi quantitativi di CO2 che si liberano in atmosfera una volta che le foreste vengono incendiate o degradate. Le emissioni sono destinate ad aumentare sensibilmente nei prossimi anni: più del 50% delle aree previste nei piani di espansione dei grandi produttori di olio di palma ricadono in aree attualmente occupate da torbiere.

"L'impegno di Unilever è un segnale che deve arrivare forte e chiaro al mondo degli azionisti e delle multinazionali" - dichiara Chiara Campione, responsabile campagna Foreste di Greenpeace - "Uno stop alla distruzione delle foreste e torbiere indonesiane è di vitale importanza per salvare il clima e gli ultimi oranghi del Borneo e di Sumatra dall'estinzione."

Multinazionali, produttori e fornitori responsabili dovranno quindi invertire al più presto la rotta verso un approccio diverso per ridurre la loro responsabilità nelle emissioni di gas serra (GHG) derivanti dalle proprie filiere produttive. Essi devono supportare, così come ha fatto Unilever, un'immediata moratoria per fermare la deforestazione in Indonesia, sostenere e applicare delle sanzioni economiche e disinvestire da quei gruppi corporativi coinvolti nella conversione di foresta pluviale e torbiere indonesiane.

Notes: Rapporto integrale in inglese: http://www.greenpeace.org/international/press/reports/hidden-carbon-liability-of-palm-oil Sintesi in italiano: http://www.greenpeace.org/raw/content/italy/ufficiostampa/file/unilever-palma

Categorie
Tag