Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Soru teso riceve Greenpeace e promette parchi eolici

Comunicato stampa - 23 novembre, 2007
Dopo l'azione di Greenpeace avvenuta all'alba di questa mattina sul palazzo della Regione Sardegna, alle ore 11.00 il Presidente Renato Soru ha ricevuto una delegazione di attivisti.

Striscione affisso sulla Arctic Sunrise, nel porto di Cagliari.

Un incontro teso, segnato da continui scatti di nervosismo del governatore sardo, già attaccato anche su altri fronti. Il colloquio si è concluso con una promessa di Soru per un nuovo parco eolico, anche se alla domanda su dove ed entro quando sarebbe stato realizzato, ha preferito non rispondere. Soru è rimasto sostanzialmente sulle sue posizioni per quanto riguarda il carbone.

"Soru conferma di andare avanti con il progetto della nuova centrale del Sulcis - spiega Francesco Tedesco, responsabile della campagna Clima ed Energia per Greenpeace -. Questa scelta rimane per noi inaccettabile e assurda visto che nel 2012 arriverà il gas sull'isola. Prendiamo atto della promessa di nuovi parchi eolici. Vedremo se i fatti corrisponderanno alle parole. Ad oggi la maggior parte dei parchi eolici in Sardegna rimane bloccata ed alcuni di essi sono stati liberati solo grazie all'intervento del Tar".

Alla fine dell'incontro gli attivisti hanno donato a Soru un sacco di carbone.

L'incontro tra la delegazione di Greenpeace, presieduta dal responsabile della campagna Clima, Francesco Tedesco e il Presidente della regione Sardegna Renato Soru, si è spostato dal palazzo della Regione in via Roma alla sede della Giunta, in via Trento. Era presente la stampa.

Al termine gli attivisti di Greenpeace sono tornati sulla nave Artic Sunrise, attraccata al porto di Cagliari.

Conferenza stampa sulla nave oggi ore 16.00, molo Sanità (Cagliari), invitato il Consiglio regionale.

Categorie
Tag