Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Blitz in Turchia: il tempo e i tonni si stanno esaurendo

Comunicato stampa - 9 novembre, 2007
Il giorno dell’apertura della XX riunione della Commissione Internazionale per la Conservazione dei Tonni in Atlantico (Iccat), dal 9 al 18 novembre ad Antalya in Turchia, gli attivisti di Greenpeace hanno aperto uno striscione gigante con la scritta “Il tempo e i tonni si stanno esaurendo” per chiedere ai delegati misure urgenti per salvare il tonno rosso e le altre specie sotto la gestione Iccat. Greenpeace lancia oggi il rapporto “Il Bottino dei Pirati” che denuncia il far west della pesca gestita dall’Iccat.

Il tonno rosso è in pericolo. E l'ICCAT non fa molto per tutelarlo.

In particolare, il tonno rosso è al collasso per una pesca indiscriminata e illegale. Ogni anno si pescano circa 50.000 tonnellate di tonno, mentre la quota legale è intorno a 32.000 tonnellate e il Comitato Scientifico dell'Iccat ha avvisato che non se ne dovrebbero pescare più di 15.000 tonnellate. Greenpeace chiede di fermare la pesca per il recupero dello stock.

"Il cosiddetto 'piano di recupero' del tonno rosso, deciso dall'Iccat l'anno scorso, è solo uno scherzo e di pessimo gusto" - dichiara Alessandro Giannì, responsabile della campagna Mare di Greenpeace. - "Quel piano permette di pescare il doppio di quanto suggerito dalla ricerca scientifica e l'Iccat non è nemmeno in grado di farlo rispettare. Se l'Iccat vuol recuperare il tonno rosso, e la sua credibilità, deve fermare subito la pesca."

Nelle attività illegali, scoperte da Greenpeace sia con attività investigative che tramite osservazioni in mare effettuate dalle sue navi, sono coinvolti anche pescherecci italiani, oltre che libici, francesi, spagnoli, cinesi, taiwanesi, e molte altre imbarcazioni con "bandiera ombra". Non meno preoccupante è l'illegalità nel settore degli impianti di ingrasso del tonno rosso. Ad esempio, i proprietari di un impianto localizzato a Cetara, che Greenpeace ha contestato, hanno dichiarato al Consiglio di Stato di aver già avviato l'attività, ma l'impianto non è tra quelli autorizzati dal Ministero delle Politiche Agricole. Il Consiglio di Stato ha ritenuto di far consentire, al momento, 'la prosecuzione dell'attività economica intrapresa'. Un'attività ovviamente non autorizzata.

"Quanti tonni ci sono a Cetara?" - continua Giannì -"Quanti altri impianti fantasma esistono nel nostro Paese? Cosa fa il Ministero delle Politiche Agricole per controllare l'attuazione dei propri decreti?"

Greenpeace chiede, inoltre, all'Iccat di proteggere con riserve marine le aree di riproduzione del tonno rosso, come il Tirreno Meridionale, e di avviare una gestione efficace delle attività di pesca senza concedere deroghe, come quelle che consentono, in alcuni Paesi, di pescare tonni di pochi chilogrammi di peso, e con una lotta serrata alla pesca pirata e alle "bandiere ombra".

Greenpeace chiede la creazione di una rete di riserve marine per proteggere il 40 per cento dei mari del Pianeta, compreso il Mediterraneo, come soluzione a lungo termine contro la pesca eccessiva e distruttiva e per consentire ai nostri mari di ritornare in salute.

Categorie