Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Bloccato congresso WEC per allontanare Greenpeace

Comunicato stampa - 15 novembre, 2007
E’ stato bloccato il World Energy Congress per permettere, agli operatori con una gru, di rimuovere lo striscione di Greenpeace: “ENEL: Do Not Export Nuclear Risk”, Enel: non esportare il rischio nucleare.

Attivisti di Greenpeace in azione al WEC contro gli investimenti ENEL sul nucleare a Belene e Mochovce. Il congresso è stato bloccato per mezz'ora per consentire la rimozione del nostro striscione.

Dopo l'intervento di Fulvio Conti avrebbe dovuto parlare R. K. Pachauri, Presidente dell'IPCC (premio Nobel) ma non è quindi stato possibile.

"E' veramente incredibile - commenta a margine Francesco Tedesco, responsabile campagna Energia per Greenpeace- che per non rovinare l'immagine di Enel si blocchi un convegno mondiale, questo ci dice molto sul suo potere".