Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

La plastica nel piatto, dal pesce ai frutti di mare

Pubblicazione - 29 agosto, 2016
Sempre più plastica viene ingerita dagli organismi marini e può risalire la catena alimentare fino ad arrivare nei nostri piatti. Lo denuncia il nostro rapporto "La plastica nel piatto, dal pesce ai frutti di mare" che raccoglie i più recenti studi scientifici sugli impatti delle microplastiche - incluse le microsfere - sul mare e quindi su pesci, molluschi e crostacei.

La presenza di frammenti di plastica negli oceani è un problema noto da tempo ma in crescita esponenziale. Una volta in mare, gli oggetti di plastica possono frammentarsi in pezzi molto più piccoli, e diventare microplastica.

Questo rapporto offre indicazioni allarmanti degli impatti delle microplastiche su vari organismi marini, tra cui specie di pesci e molluschi comunemente presenti nei nostri piatti, anche se gli effetti sulla salute umana sono ancora troppo poco studiati.

Leggi il rapporto completo (in inglese).

La plastica nel piatto, dal pesce ai frutti di mare