La rivoluzione energetica

La temperatura globale media è aumentata di 0,8 gradi centigradi dall'inizio della Rivoluzione industriale. Non sembra molto, ma le conseguenze sono enormi. Le calotte glaciali si stanno riducendo anno dopo anno. Situazioni climatiche estreme e cicloni sono in aumento. I cambiamenti climatici stanno già provocando danni all'ecosistema e mettendo in pericolo la vita di milioni di persone. Ed è solo l'inizio.

Ma non è una minaccia che proviene dallo spazio. Sono gli esseri umani ad aver causato i cambiamenti climatici immettendo nell'atmosfera quantità eccessive di gas serra. In questo siamo fortunati. Se abbiamo iniziato noi tutto questo, siamo anche in grado di fermarlo. Le tecnologie necessarie già esistono.

Possiamo – e dobbiamo – diminuire le emissioni di CO2 del 50 per cento entro il 2050. I paesi industrializzati dovranno diminuire le loro ancora di più, fino all’80 per cento. Se lo faremo, potremo contenere l’aumento della temperatura globale sotto i 2 gradi. Gli scienziati concordano che si tratta di una condizione essenziale per evitare che il clima vada del tutto fuori controllo.

Le forme di energia rinnovabile – energia solare, eolica, idroelettrica, geotermica e biomasse – possono soddisfare la metà dei consumi di energia del mondo entro la metà di questo secolo. Ma solo se smettiamo di sprecare energia e facciamo qualcosa per usarla in maniera più efficiente. Questo è possibile senza mettere in pericolo l’economia globale e dando la possibilità anche ai paesi più poveri di svilupparsi, com’è illustrato nella serie di studi di Greenpeace, Energy Revolution.

Abbiamo bisogno di una rivoluzione energetica per raggiungere questo obiettivo. Questo significa cambiamenti fondamentali nei modi di generare l’energia, in cui viviamo e viaggiamo e nelle nostre abitudini in genere. Noi, nei paesi industrializzati, dobbiamo indicare la via. E i paesi in via di sviluppo dovranno fare attenzione a non ripetere i nostri stessi errori. Non c’è tempo da perdere. Iniziamo subito a vivere una vita più rispettosa del clima!

Per approfondire

Energy Revolution Italia 2013 (versione integrale in inglese)

Sintesi Energy Revolution Italia 2013 (in italiano)

Briefing Energy Revolution Italia 2013 (in italiano)

Infografica Energy Revolution Italia 2013

Fai il download del rapporto 2012 integrale (versione World - in inglese)

Energy Revolution 2012 Briefing (World)

Energy Revolution Europe 2012 (versione integrale in inglese)

Gli ultimi aggiornamenti

 

Greenpeace alla sbarra

Blog di Giuseppe Onufrio, direttore di Greenpeace Italia | 19 aprile, 2013

Oggi a processo una trentina di attivisti per un’azione di protesta durata tre giorni presso la centrale di Porto Tolle, un mostro piantato nel mezzo del Delta del Po in una delle più importanti zone umide d’Europa. La protesta del...

Ce l’abbiamo fatta! #SaveTheArctic conquista il Polo Nord

News | 15 aprile, 2013 a 14:45

Il team Aurora ce l’ha fatta. Renny, Kiera, Josefina, Ezra, insieme alle guide polari, ai fotografi e ai tecnici informatici, hanno raggiunto il punto più a Nord del Pianeta. E hanno mantenuto la promessa: la Bandiera del Futuro e la capsula con...

Portando il Sole dalle Seychelles al Polo Nord

Blog di Renny Bijoux, in missione al Polo Nord | 12 aprile, 2013 1 commento

Sono Renny Bijoux e sono stato scelto tra milioni di persone per fare una di quelle cose che ti cambiano la vita: un’impegnativa ma allo stesso tempo divertente e spettacolare spedizione al Polo Nord. Non capita tutti i giorni che...

Greenpeace al Polo Nord

Galleria di immagini | 8 aprile, 2013

Enel vuole censurare la nostra protesta contro il carbone

Video | 3 aprile, 2013 a 12:56

Enel tenta di ridurci al silenzio attraverso le vie legali. Un'azienda ancor oggi largamente controllata dallo Stato non risponde alle contestazioni che Greenpeace le muove riguardo agli impatti sanitari, ambientali ed economici delle sue...

Enel vuole censurare la nostra protesta contro il carbone

News | 3 aprile, 2013 a 10:50

Enel tenta di ridurci al silenzio ancora una volta. Non risponde alle nostre contestazioni sugli impatti sanitari, ambientali ed economici delle sue centrali a carbone e cerca, invece, la strada delle aule di Tribunale, convinta di poterci...

In azione durante la visita di Obama in Israele

Immagine | 21 marzo, 2013 a 15:00

Questa mattina cinque attivisti di Greenpeace hanno scalato il noto ponte di Calatrava (L’Arpa) all’ingresso di Gerusalemme e hanno aperto uno striscione di 150 metri quadri con la scritta “Obama, ferma le trivellazioni nell’Artico” in inglese...

La bandiera del futuro sta arrivando nell’Artico

News | 15 marzo, 2013 a 11:04

Sette colombe colorate, un fiore rarissimo e una corona di foglie d’ulivo. È questa la bandiera disegnata da una tredicenne della Malesia, Sarah Bartrisyia, e selezionata da Vivienne Westwood, che pianteremo sui fondali del Polo Nord.

Greenpeace su piano Enel: fumata nera

Video | 13 marzo, 2013 a 15:43

Presentati oggi i risultati aziendali 2012 e il piano industriale 2013-2017 di ENEL: Greenpeace critica aspramente i dati che emergono riguardo alla produzione elettrica in Italia della multinazionale guidata da Fulvio Conti. La produzione di...

Vittoria! Sconfitto il Lato Oscuro di Volkswagen

Blog di Andrea Boraschi. campaigner Energia e Clima | 7 marzo, 2013 2 commenti

In uno scenario dove i segnali del cambiamento climatico si intensificano e fanno sempre più temere per il futuro del Pianeta, una storia firmata Greenpeace rende ottimismo e fa capire come impegnarsi per prevenire il peggio non sia...

51 - 60 di 220 risultati.

Categorie