Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

La pesca

In pochi decenni, i pescherecci industriali hanno razziato e quasi distrutto le proprie zone di pesca. Queste flotte, invece di ridurre la capacità di pesca, cercano adesso di spostare il loro raggio di azione verso il Pacifico e l'Africa Occidentale. Piuttosto che risolvere i problemi a casa loro, le flotte dei pescherecci del Nord li spostano verso gli oceani del Sud, ancora relativamente in buona salute. Il futuro di questi oceani e delle comunità costiere che da essi dipendono è sempre più in balìa di pescatori senza scrupoli e di una crescente domanda di pesce su scala globale.

Circa il 90% degli stock ittici mondiali è già pienamente o eccessivamente sfruttato. Inoltre la quantità di pesce che la gente mangia continua ad aumentare: dal 1960 ad oggi il consumo pro capite di pesce è infatti quasi raddioppiato. Secondo molti biologi marini, proprio lo sfruttamento intensivo del patrimonio ittico è la minaccia più grande all'equilibrio degli ecosistemi marini.

La pesca danneggia gli ecosistemi sia quando è eccessiva sia quando è condotta con sistemi distruttivi. Molte tecniche di pesca sono tutt'altro che selettive: oltre alle specie bersaglio, vengono catturati - e poi gettati in mare morti o morenti - molte altre specie o esemplari giovani delle stesse specie bersaglio. La cattura accidentale di mammiferi, uccelli marini, tartarughe, squali e di molte altre specie è ancora uno dei principali problemi in molte zone del mondo.

Un altro grave problema è quello della pesca pirata: dagli oceani al nostro Mediterraneo la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (INN) – sta flagellando l’ecosistema marino.

Secondo Greenpeace l’unico modo di salvare il mare è quello di stabilire una rete di riserve marine, eliminare la pesca illegale e ridurre lo sforzo di pesca eliminando i metodi di pesca più distruttivi e dando priorità di accesso alle risorse della pesca a chi pesca nel modo più sostenibile.

All’inizio del 2014, con l’approvazione della nuova Politica Comune della Pesca (PCP), l’Unione Europea e gli Stati Membri, sotto le spinte di molte ONG tra le quali Greenpeace, si è impegnata a garantire la sostenibilità ambientale, economica e sociale della pesca in UE. Ciò significa che gli Stati Membri, e quindi anche l’Italia, sono chiamati a stabilire regole di gestione delle flotte che siano in equilibrio con le risorse che abbiamo a disposizione, garantendo il recupero delle specie sovrasfruttate ed un accesso equo e sostenibile alle risorse marine.

Firma anche tu per chiedere di eliminare la pesca eccessiva: In Nome Del Mare

Gli ultimi aggiornamenti

 

Telecamere nascoste al mercato del pesce!

News | 29 settembre, 2016 a 14:05

Le norme ci sono, ma le irregolarità nell’etichettatura sono ancora troppe

Con le telecamere nascoste al mercato del pesce

Video | 29 settembre, 2016 a 12:04

Stenta a prendere piede l’applicazione della nuova normativa europea sull’etichettatura che deve accompagnare la vendita di pesce fresco. Lo dimostra un video che abbiamo realizzato con telecamere nascoste in alcuni banchi ittici di Roma.

FishFinder: una guida tascabile per l’acquisto responsabile del pesce

News | 16 settembre, 2016 a 12:45

Come leggere le etichette e cosa preferire per non essere complici della distruzione del mare!

Mareblu, smascherato sul luogo di pesca.

Video | 18 maggio, 2016 a 18:10

Siamo andati sul luogo di pesca di Mareblu per smascherare la sua vera natura di killer del mare.

L'Esperanza nell'Oceano Indiano: a caccia di FAD

Blog di Giorgia Monti, responsabile campagna Mare | 9 maggio, 2016

Da ormai due settimane la nostra nave Esperanza, partita da Diego Suarez in Madagascar, sta instancabilmente solcando l’Oceano Indiano per fermare la pesca distruttiva di Thai Union, proprietaria anche del marchio italiano Mareblu. Dal...

Esperanza in Oceano Indiano

News | 28 aprile, 2016 a 11:58

Una spedizione pacifica per fermare la pesca distruttiva del tonno Mareblu

Artigianale e sostenibile: è il futuro che vogliono i pescatori del Mediterraneo

Blog di Serena Maso - campaigner Mare Greenpeace Italia | 3 dicembre, 2015 1 commento

“ Il vero spessore di un uomo non si vede nei momenti di comodità e convenienza bensì tutte quelle volte che affronta le controversie e le sfide ”. Questa famosa citazione di Martin Luther King descrive bene le storie e gli uomini...

Basta svuotare il mare per una scatoletta di tonno

Video | 10 novembre, 2015 a 18:27

I consumatori chiedono che il tonno che arriva nelle loro scatolette provenga da una pesca sostenibile che non distrugge i nostri mari e rispetta i diritti dei lavoratori. Da questo punto di vista Mareblu è veramente fermo al palo: nel 2012 aveva...

Quella sporca filiera

Pubblicazione | 4 novembre, 2015 a 10:27

La catena di produzione che porta il tonno nelle nostre scatolette è spesso tutt’altro che “pulita”: un sistema che non di rado è macchiato dall’utilizzo di metodi di pesca che stanno svuotando i nostri mari e dalla violazione dei diritti di chi,...

Cosa finisce nella tua scatoletta di tonno?

News | 26 ottobre, 2015 a 12:05

La classifica rompiscatole è tornata! Scopri quanto è sostenibile il tonno che acquisti

1 - 10 di 48 risultati.

Categorie
Tag