La pesca

In pochi decenni, i pescherecci industriali hanno razziato e quasi distrutto le proprie zone di pesca. Queste flotte, invece di ridurre la capacità di pesca, cercano adesso di spostare il loro raggio di azione verso il Pacifico e l'Africa Occidentale. Piuttosto che risolvere i problemi a casa loro, le flotte dei pescherecci del Nord li spostano verso gli oceani del Sud, ancora relativamente in buona salute. Il futuro di questi oceani e delle comunità costiere che da essi dipendono è sempre più in balìa di pescatori senza scrupoli e di una crescente domanda di pesce su scala globale.

Circa il 90% degli stock ittici mondiali è già pienamente o eccessivamente sfruttato. Inoltre la quantità di pesce che la gente mangia continua ad aumentare: dal 1960 ad oggi il consumo pro capite di pesce è infatti quasi raddioppiato. Secondo molti biologi marini, proprio lo sfruttamento intensivo del patrimonio ittico è la minaccia più grande all'equilibrio degli ecosistemi marini.

La pesca danneggia gli ecosistemi sia quando è eccessiva sia quando è condotta con sistemi distruttivi. Molte tecniche di pesca sono tutt'altro che selettive: oltre alle specie bersaglio, vengono catturati - e poi gettati in mare morti o morenti - molte altre specie o esemplari giovani delle stesse specie bersaglio. La cattura accidentale di mammiferi, uccelli marini, tartarughe, squali e di molte altre specie è ancora uno dei principali problemi in molte zone del mondo.

Un altro grave problema è quello della pesca pirata: dagli oceani al nostro Mediterraneo la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (INN) – sta flagellando l’ecosistema marino.

Secondo Greenpeace l’unico modo di salvare il mare è quello di stabilire una rete di riserve marine, eliminare la pesca illegale e ridurre lo sforzo di pesca eliminando i metodi di pesca più distruttivi e dando priorità di accesso alle risorse della pesca a chi pesca nel modo più sostenibile.

All’inizio del 2014, con l’approvazione della nuova Politica Comune della Pesca (PCP), l’Unione Europea e gli Stati Membri, sotto le spinte di molte ONG tra le quali Greenpeace, si è impegnata a garantire la sostenibilità ambientale, economica e sociale della pesca in UE. Ciò significa che gli Stati Membri, e quindi anche l’Italia, sono chiamati a stabilire regole di gestione delle flotte che siano in equilibrio con le risorse che abbiamo a disposizione, garantendo il recupero delle specie sovrasfruttate ed un accesso equo e sostenibile alle risorse marine.

Firma anche tu per chiedere di eliminare la pesca eccessiva: In Nome Del Mare

Gli ultimi aggiornamenti

 

In azione contro la pesca che distrugge il mare

Blog di Giorgia Monti, campaigner Mare | 24 maggio, 2013

Quattro azioni di protesta in una sola settimana. In Spagna, Polonia, Olanda e Francia i nostri attivisti hanno lanciato il messaggio: “Sì alla pesca sostenibile. No alla distruzione del mare!” Dopo Italia e Spagna, il tour “Sostieni...

Quante vittime per una scatoletta di tonno

Blog di Giorgia Monti, campaigner Mare | 12 ottobre, 2012

Il pescatore indonesiano coperto dal grande cappello di tela per ripararsi dal sole, il giovane vietnamita dagli occhi tristi, il filippino piegato a raccogliere la lenza con le mani bruciate. Cambiano i pescherecci, ma le facce che ci...

Ottomila squali uccisi in un'ora per le loro pinne

Blog di Giorgia Monti, responsabile campagna Mare | 8 ottobre, 2012 10 commenti

Oceano Indiano, dodicesimo giorno di navigazione a bordo della Rainbow Warrior. Dopo aver fatto visita alla flotta europea impegnata nella pesca al tonno , siamo diretti a est, sud del Madagascar, alla ricerca dei pescherecci asiatici...

1 - 3 di 3 risultati.

Categorie
Tag