Nuova videoinchiesta su rifiuti elettronici

Greenpeace pubblica la nuova video inchiesta sull'adozione del decreto sui rifiuti elettronici entrato in vigore lo scorso giungo (D.M. n.65 del 2010). A sei mesi di distanza, il 51 per cento dei rivenditori hi-tech intervistati non adempie ancora all'obbligo di ritiro gratuito "uno contro uno" dei prodotti tecnologici usati a fronte dell'acquisto di un nuovo articolo.

Dettagli video



Liberi da sostanze tossiche

Le sostanze tossiche presenti nell’ambiente mettono in pericolo l’acqua, l’aria, il suolo e il nostro stesso futuro.

La produzione, l’uso e il rilascio di molti prodotti chimici di sintesi sono oggi riconosciuti come un pericolo globale per la salute pubblica e per l’ambiente.

Nel mondo, le industrie chimiche continuano a produrre e rilasciare migliaia di composti ogni anno. Nella maggior parte dei casi, la conoscenza sull’impatto sanitario e ambientale di queste sostanze è scarsa o addirittura nulla.

Elettronica verde

Ogni anno nel mondo si producono sempre più articoli tecnologici. Tutto ciò ha determinato una crescita esponenziale dei rifiuti elettronici, scarti molto pericolosi perché contenenti composti tossici che non possono essere smaltiti o riciclati in sicurezza. Questo problema però, può essere evitato. Per questa ragione, Greenpeace sta facendo pressione sulle compagnie Hi-tech, leader nella produzione di TV, cellulari, computer e console, per cambiare le loro politiche aziendali.

Per saperne di più

Chimica

La chimica è entrata a far parte della nostra vita quotidiana. Tutto è fatto di elementi chimici, naturali e di sintesi. L’uomo, però, con la sua sete di potere ha messo in commercio più composti chimici di quanti ne avesse davvero testati in laboratorio. La conseguenza è che siamo tutti più o meno contaminati da sostanze esterne, alcune delle quali davvero pericolose.

Per saperne di più

Rifiuti urbani

I rifiuti sono ormai da anni al centro di tematiche politico-ambientali a livello internazionale e nazionale. Diversi programmi europei d'azione per l'ambiente hanno posto al centro dell'attenzione il tema rifiuti e l'Europa ha promosso una serie di normative per una maggiore tutela dell'ambiente e della salute umana. Ma l'ambito rifiuti è una di quelle aree su cui la politica ambientale deve concentrarsi ancora per molto tempo.

Per saperne di più

Acqua

L’acqua è un bene essenziale per la nostra esistenza, ma è anche la risorsa più in pericolo. L’inquinamento industriale, specie nel Sud del Mondo, sta contaminando questa preziosa risorsa, molto vulnerabile.

Per saperne di più

Gli ultimi aggiornamenti

 

Outdoor clothing

Pubblicazione | 12 dicembre, 2013 a 12:38

Per conto di Greenpeace, due laboratori indipendenti hanno testato 17 capi d’abbigliamento outdoor alla ricerca di perfluorinati e perfluorocarburi (PFCs).

Tessuti tossici: l'inquinamento in mostra

Pubblicazione | 5 dicembre, 2012 a 13:01

Questo briefing è estratto dal rapporto pubblicato da Greenpeace International "Toxic Threads: Putting Pollution on Parade".

Tessuti tossici: contaminati dalla moda

Pubblicazione | 20 novembre, 2012 a 12:07

Le grandi catene di moda vendono indumenti contaminati da sostanze chimiche pericolose che possono alterare il sistema ormonale o che, se rilasciate nell'ambiente, possono diventare cancerogene. È la denuncia pubblicata nel rapporto...

Panni sporchi - parte 3

Pubblicazione | 20 marzo, 2012 a 10:13

In vista della Giornata Mondiale dell'acqua vi spieghiamo come il bucato di tutti i giorni può inquinare le acque di casa nostra.

Come sta il mare del Giglio?

Pubblicazione | 9 marzo, 2012 a 9:36

Fra il 15 e il 18 febbraio, a un mese dal disastro Costa Concordia, Greenpeace ha verificato lo stato dei fondali dell'isola del Giglio e prelevato alcuni campioni di acqua marina superficiale dalla costa. Gli obiettivi erano due: fotografare lo...

Toxic Costa

Pubblicazione | 14 febbraio, 2012 a 11:07

A poco più di un mese dal tragico incidente della Costa Concordia, Greenpeace pubblica "Toxic Costa", un inventario ragionato delle sostanze e dei materiali pericolosi ancora presenti sulla nave.

Rifiuti illegali made in Italy

Pubblicazione | 13 dicembre, 2011 a 15:33

Venticinque mila, sono le tonnellate di rifiuti pericolosi provenienti dai lavori di bonifica della ex Sisas di Pioltello-Rodano e spediti alla discarica di Nerva, in Spagna, nel corso di quest'anno.

Veleni a galla

Pubblicazione | 11 ottobre, 2011 a 11:47

Greenpeace denuncia con nuovi dati la contaminazione da sostanze chimiche pericolose di quest'area di mare protetta.

Il mistero dei rifiuti scomparsi

Pubblicazione | 6 ottobre, 2011 a 10:51

La bonifica della ex-Sisas è un esempio lampante della situazione attuale dei SIN e dell'inadeguatezza della gestione emergenziale. Dopo aver documentato le irregolarità e i mancati trattamenti nella gestione dei rifiuti tossici esportati in...

SIN Italy: la bonifica dei siti di interesse nazionale

Pubblicazione | 6 ottobre, 2011 a 10:38

Oggi in Italia le aree da bonificare sono moltissime: 57 di esse, le più pericolose, sono classificate come "Siti d'Interesse Nazionale" (SIN) e coprono il 3 per cento del territorio del Paese: 1.800 chilometri quadrati di aree marine, lagunari e...

1 - 10 di 73 risultati.

Categorie