Elettronica verde

Ogni anno centinaia di migliaia di vecchi computer e cellulari vengono smaltiti nelle discariche o negli inceneritori. Migliaia di rifiuti elettronici prodotti in Europa, Stati Uniti, Giappone vengono anche esportati, spesso illegalmente, in Asia e Africa. In questi paesi i lavoratori, anche giovanissimi, toccano a mani nude i rifiuti, esponendosi a un cocktail di composti tossici e veleni.

L’attuale tasso di crescita degli scarti tecnologici creerà una crisi di grandi proporzioni a meno che i produttori non si impegnino in maniera adeguata. La produzione di prodotti privi di sostanze pericolose, durevoli, in grado di essere migliorati, riciclati o smaltiti in correttezza è possibile. E consentirebbe un fine vita dei prodotti di consumo senza pericoli per nessuno. Neanche per i più poveri.

Da anni, Greenpeace fa pressione sulle aziende hi-tech per rendere le loro produzioni più sostenibili grazie alla pubblicazione periodica dell’Eco-guida ai prodotti elettronici verdi. Siamo riusciti a tenere alta la pressione verso questo comparto industriale anche grazie alla denuncia di casi di esportazione illegale di rifiuti tecnologici verso i Paesi in Via di Sviluppo.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Trent’anni fa il disastro di Bhopal

News | 2 dicembre, 2014 a 11:45

A mezzanotte e cinque del 3 dicembre 1984, quaranta tonnellate di una miscela di gas letali fuoriuscirono dall'impianto di produzione di pesticidi della Union Carbide a Bhopal, in India.

Victoria 's Secret? Ora ha meno segreti!

News | 24 gennaio, 2013 a 15:22

Nuovo successo per “Detox”, la nostra campagna che chiede alle aziende della moda l’eliminazione degli scarichi delle sostanze tossiche dalla propria filiera entro il 2020. Arriva finalmente anche l’impegno di “Limited Brands”, proprietaria dei...

I colori di Benetton? Ora più brillanti… senza sostanze tossiche!

Blog di Chiara Campione, campaigner | 16 gennaio, 2013 2 commenti

Era ora che la nostra campagna internazionale Detox contagiasse anche casa nostra. In fondo siamo o no il  paese della moda? La buona notizia di oggi è che Benetton si impegna a eliminare le sostanze chimiche pericolose dalle proprie...

Finalmente jeans puliti! Anche Levi's dice sì a Detox

News | 13 dicembre, 2012 a 14:57

Ce l'abbiamo fatta. Levi's, la prima marca di blue jeans al mondo, eliminerà ogni sostanza pericolosa dalla sua filiera di produzione e dai suoi prodotti entro il 2020.

Eco-guida ai prodotti elettronici. Sul podio Wipro, HP e Nokia

News | 22 novembre, 2012 a 13:10

Pubblichiamo la diciottesima edizione dell'eco-guida ai prodotti elettronici. Buone le prestazioni di Wipro, HP e Nokia. Peggiorano Dell e Apple che si classificano rispettivamente al quinto e sesto posto, mentre per l'ultimo in classifica...

Libera ZARA dalle sostanze tossiche

News | 20 novembre, 2012 a 13:06

Attento al tuo guardaroba, potrebbe nascondere un piccolo sporco segreto. La campagna Detox lancia oggi il rapporto Toxic Threads - The Fashion Big Stitch-Up e svela i risultati di un’indagine internazionale sui capi d’abbigliamento di 20 catene...

Quando il bucato inquina

News | 22 marzo, 2012 a 16:30

Dietro i capi firmati, le pubblicità accattivanti e il fascino delle passerelle c’è un mondo che l’industria dell’abbigliamento ti vuole nascondere. È un mondo sporco, pieno di sostanze pericolose, che sta lentamente contaminando i nostri fiumi.

Giglio: fondali e acque sotto analisi

News | 9 marzo, 2012 a 17:00

Come sta il mare del Giglio? Per scoprirlo abbiamo avviato un'indagine preliminare sui fondali e sulle acque dell'isola che affiancassero le procedure di monitoraggio condotte dalle istituzioni.

Tutti i veleni della Toxic Costa

News | 14 febbraio, 2012 a 13:44

A poco più di un mese dal tragico incidente della Costa Concordia pubblichiamo un inventario delle sostanze e dei materiali pericolosi ancora presenti a bordo, sulla base dell’elenco fornito dall’armatore al Commissario delegato per l’emergenza.

Costa Concordia. Come un mostro di metallo nel mare

Blog di Alessandro Giannì, direttore delle Campagne | 19 gennaio, 2012 4 commenti

Da anni volevo tornarci, al Giglio. Ma non così. Per fare qualche bella immersione, qualche foto, in un mare famoso per la sua bellezza. Adesso ci arrivo con un mostro di metallo, trecento metri di bianco che spiccano, da lontano,...

1 - 10 di 72 risultati.

Categorie